Passa ai contenuti principali

Summer of fear

Wes Craven dopo il cult movie Le Colline hanno gli occhi gira questo tv movie in cui si sospetta sia un filmetto, e invece non lo è, il film è ben scritto e ben diretto ed è pieno di suspance dall'inizio alla fine, protagonista Linda Blair, qui nel ruolo di Rachel, ragazza che dovrà affrontare una terribile strega, che seduce tutte le persone che le vogliono bene, in un primo momento suo fratello, poi il suo fidanzato, per finire ai suoi genitori, è come se Julia, vuole prendere piano piano il suo posto all'interno della famiglia, nonostante Rachel lo gridi, lo urli che c'è qualcosa di strano in Julia, nessuno vuole crederle, dicendo che Julia ha perso i suoi genitori e per questo va rassicurata e le si deve dare l'affetto di una famiglia, l'unico che le crede è un professore che si è accorto di un particolare, persino il cavallo di Rachel non è tranquillo quando Julia è nei paragi, c'è qualcosa di sinistro in Julia, e lo si nota anche da una lettera che arriva e che viene stracciata, Rachel chiama l'amica di sua cugina e scopre un particolare inquietante, che poi sarà la chiave per scoprire il dramma che si cela dietro il volto pulito della cugina.
Un film originale, che riesce a incatenare lo spettatore dall'inizio alla fine, un piccolo cult per gli amanti del regista Wes Craven da avere assolutamente, anche se non ci sono scene horror dato che è un film televisivo, però riesce a catturare, a inquietare quanto basta, bravissima Linda Blair, che dopo l'esorcista si vede assegnato il ruolo di una ragazza normale il cui mondo viene stravolto dalla cugina, la regia di Wes Craven, dona al film quell'aura di inquietante seduzione, tipica di certe pellicole future che si rifaranno a questo film replicandolo senza troppo successo.
DA COLLEZZIONARE.


Commenti

  1. Mmm...me lo sono perso. Vedrò di rimediare! Thanks :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.