Passa ai contenuti principali

Dancer in the dark

No, ragazzi fermi tutti, eliminate tutti i pregiudizi sui film musicali, e su alcuni cantanti che si prestano al cinema, Dancer in The Dark, è l'opera di un autore in stato di grazia, ma soprattutto di una protagonista Bjork, per la prima volta al cinema che interpreta il ruolo di una madre, una donna che lotta contro tutto e tutti purchè il figlio non finisca come lei al buio, Selma, (Bjork) lavora in fabbrica e tutto ciò che guadagna, o meglio la maggioranza dei soldi del suo lavoro li conserva per l'operazione di Gene, suo figlio, che a causa di una malattia rischia la cecità, ma Selma che è una persona di buon cuore, che ingenuamente ascolta i lamenti del suo amico Bill, che vive al di sopra delle sue possibilità ed è ridotto sul lastrico, ha bisogno di un prestito, ma il tempo stringe, l'operazione di suo figlio è necessario che sia fatta entro i 13 anni, perchè  altrimenti sarà troppo tardi e finirà di non vederci più e non potrà più essere operato, ci sono due persone, c'è una vittima, un carnefice, secondo voi chi è la vera vittima? Bill, che  soddisfa i capricci di una moglie avida e spendacciona e non ha il fegato di dirle che sono senza il becco di un quattrino, oppure Selma, che si vede portar via i soldi da Bill ed è costretta suo malgrado ad ucciderlo per salvare suo figlio dalla cecità? Chi è il vero avido? Chi è la persona onesta e di buon cuore che pur sapendo che dire la verità riuscirà a salvarle la vita, ma va avanti lo stesso proteggendo la confidenza di Bill e mantenendo la promessa data? Un film straziante, e dolente, in cui non piangere è impossibile, interpretato da una straordinaria Bjork, di cui sono una fan da moltissimi anni e vedere la sua interpretazione così naturale e commovente me l'ha fatta ammirare di più, la sua interpretazione vale da sola la visione del film, e che film, no ragazzi, questo non è un semplice film, E' UN CAPOLAVORO, ed è stato uno dei film che mi hanno fatto ammirare Von Trier regista, che mostra come il dolore, il sacrificio, l'onestà, e l'amore per il figlio sono capaci di far prendere a una madre le scelte più disparate, si fa di tutto purchè il proprio figlio ci veda come tutti gli altri, persino immolarsi, davanti a degli spettatori senz'anima, messi lì a godersi uno spettacolo di dolore, senza provare nulla, il film è anche una straordinario incrocio tra drammatico e musical, in cui Bjork canta divinamente le canzoni, perchè Selma è prima di tutto una sognatrice, amante del musical, e si fa raccontare dall'amica Kathy, le scene di balletti perchè non ci vede, Von Trier riesce a divertire, commuovere, e appassionare lo spettatore, già da questo film mostra il lato crudele ed egoista degli esseri umani, un lato che vedrà la luce in opere più controverse come Antichrist, ma ne parleremo dopo, appena prenderò il coraggio di rivedere questo film, riparlando di Dancer in the dark, è un film che colpisce al cuore, che fa piangere e sognare, qui Von Trier ha davvero toccato il cuore dello spettatore, bravissimi anche tutti gli altri attori, da Peter Stormare che sarebbe lo spasimante di Selma, e che vorrebbe vivere insieme a lei, a David Morse (Bill), il poliziotto che segnerà il suo destino per il suo egoismo, un film che mischia drammatico e musical, che commuove e che fa riflettere, non è da tutti i giorni vedere un film del genere.
CAPOLAVORO ASSOLUTO.










Commenti

  1. Questo, invece, è uno dei Von Trier che meno digerisco.
    Troppo insistito e patetico, per quanto Bjork sia fenomenale.

    RispondiElimina
  2. Bjork non la sopporto, non credo di riuscire a vederlo, anche se leggo che merita! :)

    RispondiElimina
  3. Io l'ho sempre trovato molto commovente il film :)

    RispondiElimina
  4. Non sono una particolare estimatice di Trier, anche se Melancholia mi ispira parecchio. Però ammiro il fatto che qualcuno ne parli così appassionatamente. C'è un gran bisogno di parlar di cinema come si deve e con grande passione artistica. Sono felice di trovare altri blog cinefili!
    Complimenti :).

    RispondiElimina
  5. grazie, mi fa piacere che ti sia piaciuta la mia recensione, apprezzo molto Von Trier regista, anche se avvolte fa dei film un po' irritanti, e non ho paura di ammetterlo, da cinefila e appassionata di cinema mi fa molto piacere ricevere apprezzamenti verso le mie recensioni :)

    RispondiElimina
  6. bjork + von trier = il capolavoro era assicurato già sulla carta, ma nella pratica si sono persino superati!

    RispondiElimina
  7. Marco, mi trovi pienamente d'accordo con il suo parere :)

    RispondiElimina
  8. Film davvero strano, perfettamente divisibile a metà: una prima bellissima e una seconda fastidiosa, insopportabile in cui demolisce quanto gettato prima

    RispondiElimina
  9. beh Von Trier ha demolito il sogno americano con questo film c'è poco da dire :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…