Passa ai contenuti principali

Vampiro a Brooklyn

Eddie Murphy chiama Wes Craven, per cercare di rinverdire la sua carriera, e fare un film horror, ma l'operazione non riesce come si sarebbe aspettato, il vampiro di Murphy non inquieta e nemmeno fa ridere, anzi è all'opposto ricco di stereotipi e di battute che lo hanno reso celebre ma che in questo film sono inopportune.
La regia di Craven è indecisa su cosa fare, se pestare il piede della commedia, o il pedale dell'horror, facendo del film un opera confusa ricca di stereotipi su neri, siciliani, italiani in genere appesantendo la storia, che poteva essere interessante dato che c'erano vampiri, se non ci fossero queste forzature comiche che di comico non hanno nulla anzi, sono talmente stereotipate da risultare fastidiose.
La recitazione degli attori peggiora ancora di più la situazione, se Eddie Murphy da una vena sarcastica del suo vampiro allontanandosi dalla figura di come la conosciamo e rendendolo un pupazzone inespressivo che quando deve azzannare le persone cambia persino il colore degli occhi da neri diventano gialli, manco fosse malato di epatite...gli altri attori tra battute sarcastiche  a go go e scene a dir poco imbarazzanti ne fanno un film goliardico riuscito solo a metà, che fa il verso ai veri horror, che sono di  tutt'altra pasta, l'unica veramente brava è Angela Bassett, che anche se si trova in un ruolo che non le appartiene lo rappresenta al meglio delle sue capacità, d'altro canto Wes Craven poteva far di meglio,  o scegliere un film diverso invece di parodiare un genere facendone un polpettone indigesto, non sempre mischiare i generi cinematografici risulta simpatico al pubblico anzi tutt'altro, specialmente quando ci troviamo di fronte a cinema di genere e parodie, meglio scegliere un genere e fare un film decente che centomila e farne film brutti.
Da evitare.


Commenti

  1. Lo conosco, ma sai che non mi è mai venuta voglia di vederlo? A questo punto, leggendoti, direi che ho fatto bene!!! :)
    Ora guardo Un gioco da ragazze, poi ti faccio sapere!!!

    RispondiElimina
  2. Neanche a me è piaciuto, per nessuna delle scelte...

    RispondiElimina
  3. si è un accozzaglia di generi, senza ne capo ne coda, Wes Craven doveva scegliere il genere e poi gli attori adatti a quel genere, e magari sarebbe stato un film decente...ora guardo l'ultima casa a sinistra e domani lo recensisco così chiudo la rassegna, ah domani faccio diverse recensioni oggi non sono stata bene e questa l'ho fatta con la faccia XD

    RispondiElimina
  4. Eddy Murphi è uno che adoro, ma in questo film è davvero patetico!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.