Passa ai contenuti principali

Capitain America - Il primo vendicatore

Ennesimo comic movie, ma stavolta alla regia abbiamo uno specialista del cinema  per ragazzi, Joe Johnston, che verso la fine degli anni ottanta debuttava alla regia con Tesoro mi si sono ristretti i ragazzi e ha lavorato anche con Spielberg in uno degli indiana Jones.
Ecco l'ennesimo personaggio Marvel portato sullo schermo, risultato, un film gradevole ben fatto, ricco di colpi di scena e soprattutto ricco di effetti speciali, ma è anche divertente, coinvolgente, entusiasmante.
Dite che questo è poco? Io direi di no, anzi tutt'altro, la trama vede un giovane soldato un po' troppo gracile per svolgere le missioni di guerra che si ritrova spesso rifiutato per questo motivo, un giorno incontra un professore che ha la formula per farlo diventare un soldato possente, è una formula segreta che il governo usa per formare un esercito di supersoldati ma che finora ha rifiutato, il giovane la prende e inizia così a fare le sue missioni di soldato, con risultati sorprendenti, ma ben presto il giovane soldato dovrà affrontare un nemico assai più feroce e spietato che rischia di mandare all'aria tutti i governi del mondo, ce la farà a sventare il suo diabolico piano?
Avventure mozzafiato, scene musicali, intrigo, suspence e un pizzico di brivido accompagnano questo ottimo prodotto di intrattenimento che ha tutta le carte in regola per diventare un piccolo oggetto di culto, diretto da un regista ispirato e di talento, che ci ha messo il cuore per dirigerlo, si vede che ama il personaggio del fumetto dal primo all'ultimo fotogramma, e il cast di attori non sono da meno, tutti bravissimi compreso Chris Evans nel ruolo dell'eroe che dovrà salvare il mondo, mi aspetto un sequel ancora più spettacolare del suo predecessore, soprattutto se alla regia ci resta Johnston.
DA NON PERDERE.


Commenti

  1. E se mi dici DA NON PERDERE in grande, direi proprio che vedrò di non farlo! ;)

    RispondiElimina
  2. si come film fumettistico è davvero niente male, ti divertirai :)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.