Passa ai contenuti principali

Epidemic

Secondo film di Lars Von Trier, che sarebbe in realtà un film nel film, potreste anche confondervi, ma la forza delle immagini e l'energia che vive in questo film che ha come sfondo la musica di Wagner ne fanno un opera affascinante e curiosa, un film da collezzionare assolutamente, già si nota il talento di Von Trier sin dalla fotografia dai colori oscuri, non vi è nota di colore, nulla, forse per sottolineare l'effetto drammatico della storia? La cosa curiosa è che sia la storia in cui lo stesso Von Trier con un altro giovane scrive il film su una epidemia di peste bubbonica, che il film vero e proprio hanno la stessa fotografia sgranata, oscura, come se fosse un unica storia, in cui Von Trier ha la straordinaria capacità di coinvolgere lo spettatore dall'inizio alla fine del film, in cui egli stesso nel film che sta scrivendo si vede come un medico idealista che per salvare vite decide di scendere nel mondo ma sarà veicolo della stessa malattia, invece che di salvare le persone, la diffonde, nonostante la città sia ormai chiusa in quartieri per evitare che la malattia sfugga di mano e diventi un epidemia e di conseguenza salvare vite, ci sono due momenti veramente estremi, in cui il medico decide di intraprendere la propria strada per bene dell'umanità e nel finale in cui una donna viene ipnotizzata chiudendo come un cerchio un opera che in apparenza sembrava un film dentro un altro film.
Un film davvero curioso e affascinante che riesce a far riflettere sull'umanità quando si trova di fronte al pericolo di qualcosa che minaccia la sua sopravvivenza, un piccolo ma grande film d'impatto emotivo che non lascia per nulla lo spettatore in modo superficiale, ma anzi lo rende partecipe, lo interessa, è un opera complessa di non facile lettura, ma che una persona che comincia adesso con Von Trier può trovare pesante, ma tra i fans del regista, quelli che almeno hanno visto qualche suo film può risultare interessante.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE


Commenti

  1. Arwen, stavolta non sono d'accordo.
    Malgrado ami Von Trier tanto da comprare tutti i suoi film, questo è l'unico che non ho mai digerito. Della trilogia "E" il più bello resta Europa a mio parere...
    Ciao!

    RispondiElimina
  2. eh beh capita XD
    Il bello è trovarsi pareri differenti, perchè così si cresce e si acquista più consapevolezza imparando tantissime cose, poi come si dice de gustibus

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.