Passa ai contenuti principali

Il Filo Nascosto

Cos'è l'amore? Cos'è la passione?
Molto spesso nei cosidetti film d'amore viene messo tutto davanti allo spettatore, in modo che può benissimo empatizzare con i personaggi, senza magari indugiare sulla loro vita, sui loro difetti, le loro ossessioni, o le loro idiosincrasie.
Paul Thomas Anderson dirige un film emblematico, che rappresenta il fulcro di una personalità problematica, ossessionata dalla figura materna di cui è rimasto legato, un genio della sartoria che è incapace di vivere una vita perché non è riuscito a superare il dolore della perdita della madre.

Reinolds Woodcock è un uomo di successo, un geniale sarto che praticamente dedica tutta la sua esistenza al suo lavoro, non è sposato e dirige la casa di moda con sua sorella Cyrill, che gestisce il lato amministrativo.
I suoi sontuosi abiti vanno a ruba nell'alta società londinese, ma a rompere la tranquillità e la calma della sua esistenza è una giovane cameriera Alma, che non accetta il ruolo che Reinolds ha deciso per lui, un manichino, una modella un trofeo da utilizzare solo per il suo lavoro.
Alma a differenza di Reinolds è una donna forte, che nonostante abbia accettato di diventare sua musa ispiratrice, vuole anche vivere una normale storia d'amore.
Cosa assai difficile per l'iperdisciplinato e perfezionista Reinolds Woodcock.
L'unico modo per farsi amare è utilizzare un espediente un po' meschino, ma efficace affinché perda ogni controllo e si trasformi in un cucciolo che ha bisogno d'amore.
Paul Thomas Anderson, è ormai una garanzia di grande cinema, è inutile girarci intorno, e spero che quest'anno qualche statuetta la piglia questo film, perché veramente lo merita, anche se non è un capolavoro, evidentemente ci manca un pizzico così per esserlo, ma non importa, il regista californiano è ormai un grande del cinema è lo ha dimostrato sin dai suoi esordi, è inutile girarci intorno.
Il filo Nascosto oltre ad essere un grande film, è anche la genesi di un amore, di due personalità che si scontrano, quella forte di Alma, e quella fragile di Reinolds, che dimostrerà una vera e propria dipendenza da questo amore, è anche la storia di un uomo incapace di lasciarsi andare ai sentimenti e vivere in pieno la sua vita.
Non si evidenzia solo il successo e la genialità di Woodcock, ma anche le sue debolezze, e la sua fragilità legate a una psicologia difficile e tormentata che solo un grande attore come Daniel Day Lewis poteva portare sullo schermo, ed è ahimè il suo ultimo film al cinema. Devo dirlo con rammarico perché è  sempre stato tra i miei preferiti, e questa cosa mi rattrista un po', ma per il film posso considerarlo il vero film evento della stagione, ormai un opera di Paul Thomas Anderson, può essere considerata tale.
Per me rappresenta forse il miglior film dell'anno, e per febbraio, almeno da parte mia, lo è senza ombra di dubbio.
Voto: 9



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.