Passa ai contenuti principali

Gypsy

Quando Gypsy arrivò su Netflix, stavo ancora guardando la terza stagione di Twin Peaks, così decisi di tenerlo al caldo e recuperarlo magari in un altro momento.
Da premettere, non è una brutta serie tv, forse un po' troppo particolare per essere una serie tv, per giunta pubblicata su Netflix.
Ammetto che, per il soggetto trattato, forse sarebbe stato meglio trasformare gli episodi in un lungometraggio, e il film ne avrebbe guadagnato anche grazie al taglio cinematografico della storia, per me anche troppo cinematografico, ecco qual è stato il vero problema di Gypsy e della sua cancellazione sul famoso sito di streaming on demand.
Per me si è trattato di qualcosa di insolito e rispetto a quello che si vede in giro ha un taglio piuttosto originale, Naomi Watts come sempre bravissima, ci regala un personaggio unico del suo genere, intrigante e interessante, che, se fosse stato espresso sul grande schermo, anziché su netflix ne sarebbe uscito forse davvero un piccolo capolavoro.
Ma Gypsy è quello che è, una serie tv, forse troppo straripante per essere tale, e con un finale che apre infinite porte a una storia che se fosse stata sviluppata in maniera diversa ne avrebbe guadagnato, sia in termini cinematografici che televisive.
Allora qual è il problema principale di Gypsy?
L'ho appena detto di sorpa, è troppo poco per essere soltanto una serie tv, dato che le potenzialità immense le esprime in maniera debordante, una storia del genere trasformata in film sarebbe stata davvero un grande film.
Ridotta a una serie tv mostra i lati cinematografici, una serie tv è vero che grazie a tp ora sono degli autentici eventi cinematografici, ma Gypsy lo è fin troppo, se Lisa Rubin fosse stata meno ambiziosa magari adesso staremo aspettando la seconda stagione e si parlerebbe già della terza.
A me è senza dubbio piaciuta, anche se sinceramente non mi ha fatto impazzire.
Sentiremo ancora parlare di Gypsy? Io spero ne facciano un film seguito, perché con quel finale apertissimo vengono alla luce nuove trame e nuovi spunti per continuare la storia.
Per un altra serie tv è senza dubbio un occasione mancata, ma per un film un seguito ce lo vedo eccome, e vi dirò di più, lo aspetto a braccia aperte.


Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.