Passa ai contenuti principali

Speciale Exploitation - Antropophagus

                                                            Speciale Exploitation

Dovevo pur ricominciare a recensire film per lo speciale d'exploitation del sabato, che ultimamente ho messo un po' da parte, ma non vi preoccupate perché ho in mente di dedicare una settimana al cinema d'exploitation, non subito, ma forse entro due settimane è sicuro, il tempo di scegliere e vsionare i film e poi mi ci butto, così recupero le settimane di trascuramento della rubrica.
Dovevo pur inserire qualche cannibal movie nello speciale del cinema di sfruttamento no?
E questa settimana ho optato di recensire Antropophagus, che ho visto presa di coraggio, una sera in cui magari ero strafatta di birra, in quantità forse eccessive - è l'unico alcoolico che mi concedo dopo lo spritz - quindi ero decisamente in una fase pazzoide, a volte mi capitano queste fasi, e presa di coraggio affrontai la visione di questo cult del cinema di serie zeta così, anche se devo ammettere che all'inizio non ero del tutto convinta.
Diciamo che mi ci sono buttata, e ora se avete un po' di pazienza, vi racconto come è andata.
Dunque, avevo appena terminato di vedere Fai come ti pare, col mitico e superfigo Clint Eastwood, film decisamente divertente, coinvolgente, puro e semplice pane e salame alla Ford tanto per intenderci no?
Or bene, allora mi sono decisa e mi ci butto a piscio, all'inizio pensavo, ho fatto una cazzata, chissà che scene turculente ci sono, mah, comincio la visione, apparte  il povero imbecille che muore a colpi di mannaia, per un  ora dico UN ORA non succede una mazza, e il cosidetto assassino non si vede, così mentre lo guardo sto quasi per mettermi a dormire, perché effettivamente a parte qualche scena assurda, fatta con i tarocchi, e una giovanissima Serena Grandi incinta - ovviamente non lei, il personaggio, che si avvia verso un isola greca dove non c'è un anima viva.
Ma Dio bono, arrivate su un isola praticamente fantasma e ci rimanete? Io al posto loro sarei scappata a gambe levate e non sarei rimasta manco per mezzo minuto.
Antropophagus è decisamente un brutto film, anche perché all'apparizione del mostro che è un cannibale, strozza la madre e se magna il feto - in realtà un coniglio -  strappandolo dal grembo.
Una scena agghiacciante, allucinante, che anche per chi ha lo stomaco forte è una cosa che fa letteralmente schifo.
E ora capisco cosa voleva dire Bollicina nella sua recensione, e aveva anche ragione, la scena del coniglio è allucinante, a parte questo e la musica che ti spacca il cervello in modo che ti si scoppiano persino le orecchie, c'è il finale dove se magna pure i suoi intestini...
Si lo so ho spoilerato, quindi se non avete visto il film - che nonostante tutto non vi consiglio la visione, e preferirei che vedreste film decisamente migliori - non proseguite con la recensione, a meno che non lo volete vedere.
Preciso che, in quanto a horror estremi, ho visto film decisamente più turculenti di questo, vedere per credere la trilogia degli zombie - la prima preciso - di Romero, che quella si che è un capolavoro, questo film sembra scritto con i piedi e girato con il culo, e le scene di violenza e horror sono decisamente gratuite.
Alla fine mi ha lasciato solo l'amaro in bocca, e un senso di delusione che non sto qui a pronunciarmi. Un film, anche se fa schifo, deve avere una sua struttura, una sua anima, e anche un suo motivo, qui c'è soltanto un mezzo matto che uccide e si mangia le persone, le motivazioni esposte non sono plausibili nella costruzione di un buon horror, se ci fosse stata una maledizione, un virus, un qualcosa che potesse spiegare come mai questo qui si è messo a mangiare la gente, allora il film ne avrebbe guadagnato di punti a non finire, perché bene o male da questo spunto poteva nascere qualcosa di molto più interessante.
Peccato davvero, resta comunque un cult per tutti gli amanti del cinema di serie z, questo è poco ma sicuro.



Commenti

  1. L'ho visto nel millennio scorso. Faceva talmente schifo che l'avevo rimosso dalla coscienza. Adesso me l'hai fatto ricordare, cattivona!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahaha, scusa, si anche a me ha fatto cagare e moltissimo, tanto che ho deciso di non vederlo più. Vedere un film del genere è una tortura :P

      Elimina
  2. Ahaha, pensa, invece per me è un cult.
    Lo amo, davvero :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io l'ho detestato fin da subito, quasi quasi mi faceva addormentare :P

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.

Ciclo Horror Stories - The Midnight Man

Da questo The Midnight man poteva nascere qualcosa di pazzesco, e avevo ragione durante la settimanale rubrica delle uscite cinematografiche a storcere il naso.
Innanzitutto è bene precisare che nonostante abbia messo il film negli scult, per il motivo per cui il soggetto presentato non era poi il massimo dell'originalità, e fin qui ci siamo, nonostante questo ho comunque voluto dare una chance a questo film, che, sebbene abbia delle atmosfere lugubri e ogni tanto ci scappa persino lo jump scares, il film si presenta come se qualcosa di incredibile dovrebbe presentarsi ma si sgonfia subito, anche perché il regista presenta situazioni banali, allunga il sugo della salsa senza concentrarsi su quello che fa di un horror un grande horror, o quanto meno anche un buon horror...andare al dunque.