Passa ai contenuti principali

Die Hard - Duri A Morire

Dopo Smetto Quando Voglio ecco che ricomincia un altra saga, ovvero quella di Die Hard col figo Bruce Willis, potevo non parlarne alla fabbrica? Assolutamente no, si sono con un giorno di ritardo perché ieri praticamente è stata una giornata un po' movimentata per me, non importa, l'importante è recensire no? Il giorno in cui si fa può essere quello non stabilito da me, ma anche un altro.

Orbene, in questa terza puntata il nostro John Mclean, deve fare i conti col fratello di una sua vecchia conoscenza che nella seconda puntata non ha fatto una bella fine, ed ecco che si presenta un altro terrorista, e sapete chi è? Quel bel signore che risponde al nome di Jeremy Irons, che come attore non è un pinco pallino qualsiasi, e anche come personaggio, che letteralmente spacca sullo schermo.
E' semplicemente uno di quei cattivi che anche se sono pericolosissimi, li ammiri per la loro crudeltà e la genialità con cui svolgono il loro lavoro.
Vi sembra poco?
Die Hard Duri a Morire, è sicuramente il capitolo migliore della saga, sia per la storia ben scritta e articolata, e sia per la regia, con cui rientra dietro la macchina da presa un grande come John McTiernan.
Si, in apparenza può essere il classico film pane e salame tanto decantati dall'amico Ford, quelli con cui magari durante la visione ti berresti una birra o mangeresti un pacchetto di popcorn, ma non è il classico film usa e getta, che lo guardi e te lo dimentichi, è un film ben diretto, ben recitato, e ben scritto, insomma prima i cosidetti Blockbuster li curavano di più, a differenza di oggi, quindi oltre il sano, godurioso divertimento action, questo film ha anche una struttura, un anima e una spina dorsale, cosa rara per un action, a parte quelli con Sly, ma quello è tutto un altro discorso, per me ha rappresentato un rinnovamento per la saga sorprendentemente fantastico e coinvolgente.
Bellissimo, me lo sono goduto tutto d'un fiato, e mi sono pure divertita perché m'ha coinvolto.
Grandissimo Jeremy Irons, molto bravo anche Samuel L Jackson che fa da spalla a Bruce Willis.
Io ne consiglio assolutamente la visione.


Commenti

  1. La teoria di Ford è valida, peccato che con “Die Hard” non si ha il tempo di affettare il salame e bere la birra, perché personalmente sono troppo impegnato a: Esaltarmi, ripetere le battute a memoria, esaltarmi, fare il tifo per John e Zeus, esaltarmi, risolvere gli indovinelli di Simon e poi va beh, eslatarmi. Capolavoro totale! Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.