Passa ai contenuti principali

Swiss Army Man

E' il miglior film visto a Gennaio, potevo non recensirlo?
Ecco a voi Swiss Army Man, la commedia fantastica che non ti aspetti.

Nella mia esperienza di visioni cinematografiche, posso sostenere che tra i film che mi sono rimasti impressi nella memoria, ce ne sono parecchi, e il film che sto recensendo stasera è uno di questi.
Innanzitutto devo ringraziare l'amico Ford per avermelo fatto conoscere, poi ovviamente parlo del film in questione.
Swiss Army Man è uno di quei film di cui senza dubbio, sentiremo parlare anche nei prossimi anni, perché i due registi mescolano sapientemente, horror, commedia, fantastico, drammatico e tanti altri generi, dirigendo una pellicola capace di entrarti nel cuore e non uscire più.
Non scherzo affatto nel dire che Swiss Army Man, è uno di quei film capaci di creare un alchimia speciale negli spettatori, capace di entrarti dentro coinvolgendo lo spettatore in maniera tale da restarti impresso nella memoria.
La storia narra di un giovane che sta per suicidarsi, ma alla fine scorge un cadavere sulla spiaggia, si avvicina e proprio quel cadavere si rianima, e da allora il protagonista, uno strabiliante Paul Dano, riscopre il piacere della vita, e scoprendo anche il dono dell'amicizia, e quella magia che ti regala la consapevolezza di una gioia ritrovata, che ti fa riprendere anche la gioia di vivere.
Tutto questo nato da un bizzarro morto vivente, che invece di mangiarlo vivo, gli fa scoprire tutti questi doni.
Detto così, magari potreste pensare, aho Arwen, stai per caso dando di matto? E invece vi assicuro che non è così.
Il film è straordinariamente comico, surreale, magico ed emozionante, e non ha nulla a che fare con l'horror, ma è un opera originale decisamente a se, con una vita propria, che lascia intendere che a volte, non è la morte la soluzione migliore, ma riscoprire il gusto dell'avita, grazie all'amicizia, con questo bizzarro zombie, che nonostante tutto riesce a far ritrovare il gusto per la vita di questo giovane, che aveva deciso di farla finita.
Un film che potrebbe essere benissimo una fiaba, delicata, emozionante, coinvolgente e soprattutto unica, capace di entrare nel cuore con una semplicità unica e regalere gioia in ogni momento, bravo anche Daniel Radclif, che finalmente si è levato di dosso i panni di Harry Potter, regalandoci una interpretazione coi fiocchi.
Non posso che dare il massimo voto a questo film.
Voto:10



Commenti

  1. Ne ho sentito parlare molto bene, prima o poi lo recupero...:)

    RispondiElimina
  2. Mi è piaciuto un sacco, la scena in stile "Jurassic Park" mi ha comprato subito, ma in generale è un ottimo film, ci vuole questo tipo di follia al cinema ;-) Cheer

    RispondiElimina
  3. Meraviglioso.. l'ho visto già 3 volte e mi piace sempre un sacco!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.