Passa ai contenuti principali

50 Sfumature di Rosso

E siamo arrivati "finalmente" al capitolo finale delle 50 sfumature.
Evviva direi, fermo restando che ho odiato sia i libri che i film, di erotico? C'è ben poco, di romantico? Fin troppo, anzi secondo me è talmente melenso che mi passa pure la voglia di scopare.
Cosa rimane allora?
Un fenomeno letterario e cinematografico che ha fatto incassare alla sua autrice una barca di soldi, a parte questo nient'altro.
Che 50 sfumature sia stato un fenomeno, nessuno lo mette in dubbio, ma sinceramente parlando ho letto e visto film decisamente migliori, se volete vedere l'erotismo puro, vi consiglio di recuperare 9 settimane e 1/2 e Orchidea Selvaggia, e lasciate perdere le 50 sfumature.
Devo ammettere però che questo terzo film non mi è dispiaciuto, e parlo del genere drammatico. anche se per spaccare il capello in quattro non si avvicina neanche alla sufficienza.
A parte questo che altro dire, si aspettano film decisamente più piccanti ed espliciti, lontani da fenomeni letterali tratti da bestseller per casalinghe disperate, ve lo assicuro io che la trilogia della James l'ho letta e mi sono pentita di averlo fatto.
I film sono buoni per adolescenti in cerca di qualche spunto per ammiccare ma niente di più.
Voto: 5 e 1/2




Commenti

  1. Osceno proprio nel messaggio, inoltre è ancora più palloso del secondo capito, non pensavo potessero fare peggio, invece ci sono risuciti ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è troppo melenso per essere un film erotico...non capisco il successo che ha avuto

      Elimina
  2. Embé? Se non ti é piaciuto il primo libro, come hai fatto a leggere gli altri? 😀😀 Io non conosco né i libri né i film e non mi mancano 😉

    RispondiElimina
    Risposte
    1. curiosità per vedere come andava a finire la storia, ma è roba per poppanti non è neanche erotico xD

      Elimina
  3. E' stato pure pesante... Meno male che si è conclusa

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.