Passa ai contenuti principali

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela pacchiano, noioso, poco scurrile e palloso.

Il film è ricchissimo di stereotipi sugli italiani, che vengono rappresentati tutti e sottolineo TUTTI come dei banditi, inoltre non mi è piaciuto il fatto che i ricchi vengono rappresentati sempre come persone buone, mentre i cattivi - ovvero gli italiani - sono poveri e a caccia di soldi.
L'unica cosa buona, che ho apprezzato, viene dalla figura del nonno, Christopher Plummer che interpreta John Paul Getty I, che in pratica salva il film in un certo senso, anche se la figura di quest'uomo ricco sfondato, avaro, e talmente avido da non pagare il riscatto per salvare il nipote, talmente attaccato ai beni materiali da dimenticarsi le cose più importanti della vita, ovvero, l'amore dei propri cari.
Un film che parla di avidità, di egoismo, con un cinismo che in mani di altri registi magari ne sarebbe uscito un film decente, invece Ridley Scott, si lascia andare a stereotipi, che appesantiscono la visione d'insieme, rendendo il film pessimo, e senza nessuna personalità.
Ora una mia nota personale, se non ci fosse stato Christopher Plummer il film l'avrei messo nei bad movies, lo metto negli scult sia perché Scott ha fatto uno sgambetto a Spacey, sia perché a tenere il tutto c'è solo e soltanto Christopher Plummer, e questo per un regista come Ridley Scott è poco, molto poco...
D'altronde forse è stato un bene togliere Kevin Spacey da questo pacchiano film.




Commenti

  1. Secondo me qui la Williams è molto brava,poi sullo stereotipo degli italiani tutti banditi concordo,ma nell'insieme il film non l'ho trovato male.Ridley Scott ha fatto di peggio!

    RispondiElimina
  2. Un film che devo guardare.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Aquaman

Dimensione extralarge per Aquaman, credevate che non lo recensivo? Vi sbagliate, ecco a voi la rece del film con quel gran bel fusto di Jason Momoa.

Ro.Go.Pa.G

Un film collettivo, che racchiude 4 episodi, non sono male, ma io personalmente, ho preferito gli ultimi due, sono ben girati e in particolare quello di Pier Paolo Pasolini è il migliore di questo film, in cui 4 dei maggiori cineasti degli anni sessanta, si riuniscono, non c'è nessun legame tra un film e l'altro, che in realtà sono 4 cortometraggi uniti.
L'illibatezza di Roberto Rossellini, Il Nuovo Mondo di Godard, La Ricotta di Pasolini, e infine Il Pollo Ruspante di Gregoretti.
I quattro cortometraggi compongono questo film collettivo e uniscono 4 dei più importanti cineasti del tempo, il mio preferito resta La Ricotta, sorta di commedia che ricorda molto le comiche ai tempi del muto con udite udite anche il grande Orson Welles nel ruolo del regista.
Film che è stato sequestrato dalla magistratura e processato per "Vilipendio alla Religione", ma noi italiani siamo sempre stati così bacchettoni? No perché una cosa del genere sarebbe da spanciarsi dalle risate e…