Passa ai contenuti principali

The Post

E recensisco anche The Post, nuovo film di Steven Spielberg, che, rispetto a certi scivoloni passati, apparte il ponte delle spie, che cercherò di recensire al più presto possibile, mi è davvero piaciuto.


Stavolta lo zio Steve, fa un film serio rispetto ad alcuni film ultimamente usciti, regalando l'ennesima - ma era proprio necessario? - nomination alla grande Meryl Streep, che interpreta la proprietaria di una rivista, che rende pubblici i documenti riservati del pentagono riguardanti la guerra in Vietnam.
Di quei tempi, poi, ci si doveva guardare le spalle perché pubblicare documenti riservati, poteva costarti anche la reputazione, e il posto di lavoro.
Ma la proprietaria con pugno di ferro, capisce l'antifona, e decide nonostante le conseguenze, di pubblicare quei documenti, affrontando persino una causa contro lo stato, ma la gente, deve sapere cosa c'è dietro alla sporca guerra del Vietnam, e coraggiosamente il Post, dimostra di essere un giornale libero che lotta per la libertà di parola, così come deve essere in una democrazia.
Un altro salto di qualità che mi ha letteralmente sorpresa.
Quanto è ispirato, lo zio Steve è capace di fare dei bei film, e uno di questi è senza dubbio The Post, che grazie a una narrazione concisa ed equilibrata, rispetto ai suoi precedenti lavori, dirige un film capace di sorprendere e coinvolgere lo spettatore, pur stando lontani dai canoni dei capolavori precedenti.
D'altronde dallo zio, possiamo accontentarci ogni tanto di un bel film no?
Bella l'idea di scegliere la grande Meryl Streep in un suo film, finalmente, il suo personaggio nonostante la 21a nomination agli oscar mi è decisamente piaciuto, e per una volta tanto non sono dispiaciuta di questo, anche se devo ammettere che scegliere un altra attrice magari sarebbe stato più coraggioso e originale.
Altrettanto bravo anche Tom Hanks, attore che amo, che in questo film fa il giornalista, facendo un buon lavoro.
Forse non sarà mai il miglior film dell'anno, ma sinceramente parlando, in giro c'è decisamente di peggio come di meglio, per chi si accontenta può anche godere ogni tanto.
Da vedere.


Commenti

  1. Ti ho nominato per un giochino cinematografico, se ti va di partecipare passa da me :)

    RispondiElimina
  2. Onestamente non mi è dispiaciuto, è tanto chiacchierato vero, ma Spielberg dirige alla grande e si mette al servizio della storia, mi ha fatto pensare a “Detroit” come intenti, avercene di film così ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo zio Steve è lo zio Steve, di lui ce né uno solo ^_^

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.