Passa ai contenuti principali

Netflix Week - Fino All'Osso

Continua la  settimana dedicata a Netflix il sito che offre film e serie tv esclusivamente online, oggi è il turno di un film difficile e complesso come Fino all'osso.

Ogni giorno siamo bombardati da immagini di ciccioni e gente sovrappeso, pubblicità che ci invitano e ci indotrinano a dimagrire, facendoci vedere corpi perfetti, assolutamente irraggiungibili ai comuni mortali, presentando modelli di bellezza che una ragazzina potrebbe emulare fino all'inverosimile.
Ora non sto affatto dicendo di ingozzarvi fino a scoppiare, vi sto soltanto presentando la realtà dei fatti.
Malattie come la bulimia, l'anoressia, sono nate perché hanno messo in testa alle ragazzine modelli che non possono raggiungere, arrivando ad ossessionarle finchè non arrivano al modello di bellezza accettabile nella società, senza pensare che la bellezza è dentro di noi, in cosa possiamo esprimere, e nelle cose che sappiamo fare.
La protagonista è Ellen, che va in un centro per curare la sua anoressia, e fa amicizia con un ragazzo che piano piano, la allontana dai suoi pensieri autolesionistici, riuscendo persino a farla mangiare, il film si concentra su questa amicizia, ed è recitato benissimo da una Lily Collins decisamente in forma.
Nel film c'è anche il medico che visita Ellen e la manda in clinica per curarsi interpretato da Keanu Reeves.
Ellen fa un viaggio alla scoperta di se stessa, per curare la sua anoressia nervosa e cercare di risalire la china per tornare a vivere, ci riuscirà?
Film che per altro è anche un viaggio di crescita e di maturazione che la porterà a percorrere una strada per la via della salvezza, la prenderà?
Secondo  me se non guardate questo film vi perdete una gran cosa, perché per una volta Netflix non ha prodotto un film cazzaro, ma più impegnativo rispetto agli standard accettati.
A me è piaciuto e anche molto.


Commenti

Post popolari in questo blog

Knockout - Resa dei conti

In un film d'azione ci vuole il coinvolgimento del pubblico, quando questo viene a mancare si sono tradite le regole fondamentali del genere.
Sappiamo tutti la capacità di Steven Soderberg, di girare film piccoli e coraggiosi, capaci anche di far riflettere; spesso ci mette anche il suo tipico tocco autoriale facendone dei grandi film spendendo pochissimo denaro.
con Knockout ha a disposizione un grandissimo budget, e un cast di attori da capogiro, ma gli manca qualcosa di fondamentale per essere davvero unico, la capacità del suo autore di fare film d'azione. Con questo genere si muove come un elefante in un negozio di cristalleria, incapace di dare una struttura forte alla storia, gigioneaggia con la macchina da presa, cercando un impatto narrativo che invece di coinvolgere lo spettatore in una storia capace di risucchiarla sullo schermo, è capace solo di fare una cosa che per un film d'azione equivale a morte certa: annoiarlo.
Soderberg cerca di fare un film forse diver…

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma ins…

Ciclo Horror Stories - A Quiet Place

Maggio non poteva cominciare che con un horror, visto che di martedì di solito tocca al cinema horror essere protagonista con il famigerato ciclo Horror Stories, ho scelto questa volta un film particolare, in cui non ci sono spargimenti di sangue, ma solo un atmosfera inquietante che non ti molla dall'inizio alla fine.