Passa ai contenuti principali

Moonrise Kingdom - una fuga d'amore

Wes Anderson è un regista con una sua precisa poetica, per questo è più un autore di culto che per le masse, almeno per come la vedo io.
In tutti i film che ha diretto e ho visto, compreso quest'ultimo c'è qualcosa che ancora non mi fa gridare al miracolo come è già successo con altri autori come i Coen, Lynch e tanti altri.
Questo non vuol dire che non lo apprezzi, anzi tutt'altro, eppure c'è qualcosa in lui che ancora non ha fatto centro.
Ma andiamo al film, Moonrise Kingdom  parla di ragazzi, e quindi dovrebbe essere un film d'evasione, ma c'è una marcia in più.
Wes Anderson non si limita a fare il suo bel compitino adatto a tutti i gusti, vuole di più e lo fa cercando di dare una impronta critica sul mondo degli adulti, incapaci di osservare e stare accanto ai ragazzini.
Per questo il film potrebbe risultare indigesto a chi non sa cogliere il sarcasmo nascosto nelle scene, nel film ci sono dei personaggi curiosi che rappresentano il mondo degli adulti, ci sono i genitori della ragazzina, che sono degli idioti che pensano solo a loro stessi, e i genitori adottivi del ragazzino che ne sanno più di quanto dimostrano di sapere, poi c'è il mondo dei boyscout e tutti gli scheletri nell'armadio legati ai personaggi.
Tutto qui? No, ci sono loro, i due ragazzini innamorati che vogliono vivere fuori dal mondo stupido e ovattato che gli hanno costruito intorno e in cui si sentono come pesci fuor d'acqua.
La loro assenza non cambia minimamente lo scorrere della vita dei loro genitori all'inizio, soprattutto quelli della ragazzina che non si parlano più e in cui ognuno pensa solo a se stesso, il padre è talmente preso da non accorgersi che la moglie lo tradisce con il poliziotto che si mette in cerca della figlia, ma sarà il capo boyscout a trovarli e a riportarli a casa.
Ad una prima visione potrebbe risultare un po' pesante, anche se sinceramente film così aperti non ne escono poi molti, quindi il mio consiglio è guardarlo senza aspettarsi facili lacrimoni, certo c'è un abisso rispetto a I tenenbaum che il film che più apprezzo di Anderson, ma resta il fatto che è un film che fa riflettere, sulla adolescenza, e sul mondo così lontano e superficiale degli adulti.
DA COLLEZIONARE


Commenti

  1. anche a me non convinceva del tutto, il wes anderson.
    però con questo film mi ha conquistato al 100%

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si il film non è male, ma io preferisco i tenenbaum, mi è piaciuto molto di più

      Elimina
  2. E invece io che amo da sempre questo assurdo regista ho trovato questo lavoro un po' inferiore (e dico solo un po') rispetto agli altri.
    Ciò non toglie che sia un film delizioso, da vedere e rivedere!

    RispondiElimina
  3. Visto in un cinema d'essai una vita fa...bello !

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.