Passa ai contenuti principali

Arizona Junior

Un film esilarante, avete presente Tom e Jerry e Bugs Bunny? Ora immischiatelo con la follia di scene tra le più comiche in assoluto, stile commedia dalle torte in faccia o meglio nota come slapstick, ora inserite Nicolas Cage e Holly Hunter come protagonisti, poi una colonna sonora stile cartone animato e un bambino che nonostante i pericoli a cui suo malgrado deve sottostare e avrete Arizona Junior.
Vi sembra poco? E se alla regia ci sono i fratellini di Minneapolis? Chi? Joel e Ethan Coen ci siamo? Si ci sono proprio loro, in scena c'è una coppia, lui è un ladro redento Cage, lei è una poliziotta che è stata lasciata dal fidanzato, i due si innamorano con la redenzione di lui e decidono di metter su famiglia, ma c'è un problema: Ed - Hunter - non può avere figli e come fare a risolvere il problema? Ci pensa un servizio del tg, che mostra come un tipo che vende mobili e si fa chiamare Arizona per vendere i mobili, ha 5 figli, allora i due decidono di prendersene uno e di crescerlo perchè credono che i genitori naturali non possono farcela a crescerli tutti, da quel momento succedono scene tra il comico e il tragico, sempre al cardiopalma con gente che ti spara a tutto spiano - sorprendente il furto fallito al negozio di alimentari da parte di Hi (Cage).
A complicare le cose si ci mettono alcuni galeotti fuggiti di prigione, ed ex amici di Hi, che cercano di convincerlo a commettere una rapina in banca, anche se Ed non vuole che quei brutti ceffi restano a casa loro, ma la coppia che ora rischia di dividersi, anche a causa del rinato interesse per la vecchia vita di Hi, nonostante abbia cercato di essere una famiglia normale questo scopo rischia di vacillare.
Il bambino viene rapito proprio dagli amici di Hi, che vogliono guadagnarci parecchi soldi, senza contare che ora lo vuole anche l'ex datore di lavoro di Hi, il quale lo ha preso a pugni per un battibecco, come finirà la faccenda?
Il padre del bambino ha messo una ricompensa, e nel frattempo la moglie lo ha lasciato portandosi via i figli, in una serie di gag irresistibili soprattutto la scena della rapina alla banca che poi si dimenticano pure il pupo e allora tornano indietro, e tornano a cercarlo anche i nostri protagonisti, che dovranno vedersela con un gigante con abiti borghiati che non scherza mica...
Ma tutto bene quel che finisce bene, I nostri eroi capiranno che per continuare con la loro vita insieme dovranno rinunciare al bambino, senza ovviamente prendersi la ricompensa.
Una scelta matura e consapevole, perchè l'importante non è avere figli, ma stare insieme.
DA NON PERDERE


Commenti

  1. Assolutamente da non perdere e la Hunter è grandiosa
    Ciao

    RispondiElimina
  2. Un Nicolas Cage ancora in auge per un film così assurdamente divertente! I fratelli Coen sono una garanzia!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.