Passa ai contenuti principali

1941 Allarme a Hollywood

Un film incompreso, che è stato frainteso alla sua uscita. Ridere sulla guerra quando il conflitto in vietnam era finito da pochissimo tempo non deve essere piaciuto agli americani; io l'ho trovato spassoso e divertente, pieno di scene esilaranti ben calibrate da un autore che voleva fare un film scaccia pensieri, ironico, curioso, ma soprattutto diverso dagli altri, in futuro come ben sapete usciranno i capolavori Shindler's List e Salvate il soldato Ryan che daranno la definitiva consacrazione a Spielberg.
Qui dietro la macchina da presa abbiamo ancora un giovane Spielberg che dirige una commedia, anzi un film comico ambientato durante il secondo conflitto mondiale, quando i giapponesi entrano in guerra con l'america e decidono di invadere niente popo di meno che Hollywood, il divertimento è assicurato, ma non aspettatevi l'esatto rispetto dei fatti storici, è una commedia esilarante che va presa per quello che è.
Eppure c'è qualcosa di magico in questo film, che pur essendo insolito riesce a trasmettere un senso di ilarità, che forse non è stato recepito il messaggio come meritava.
E' un cult movie, a me che l'ho visto per la prima volta è piaciuto molto, soprattutto per il senso di buonumore che è presente in ogni scena del film, poi c'è la  caratterizzazione dei personaggi che è incredibilmente sopra le righe, forse lo è volutamente.
Abbiamo dei protagonisti che sono dei totali imbecilli, che devono fronteggiare l'arrivo dei giapponesi e non sarà affatto facile la battaglia, perchè oltre a combinare guai a non finire, ci si mette pure hollywood con il suo mondo ovattato a peggiorare la situazione.
In una piccolissima parte c'è il grande John Belushi attore che apprezzo molto, in cui interpreta un aviatore che ne combina di tutti i colori, bellissima la scena del ballo, in cui i due soldati duellano a colpi di danza per conquistare il cuore di una bella donzella, tra i momenti migliori segnalo anche il capitano che si commuove guardando dumbo, scena comicissima ed esilarante, e Toshiro Mifune attore feticcio di Akira Kurosawa che è il capitano della flotta che sta per invadere hollywood, che è l'unico che dimostra di avere cervello.
DA NON PERDERE CULT ASSOLUTO.



Commenti

  1. Nei primi anni di università stavo in fissa con Belushi, quindi ho guardato anche questo e lo ricordo molto molto carino!
    Dovrei rivederlo visto che ormai è passato tantissimo tempo.. ç_ç

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.