Passa ai contenuti principali

Red Lights

E' uscita la nuova pellicola di Rodrigo Cortés, già autore di Buried - Sepolto torna con un film thriller ambientato nel mondo di chi dice di avere poteri paranormali.
I protagonisti sono due ricercatori, Margareth Matheson e il suo assistente Tom Buckley, sono due scienziati razionali, capaci di smascherare gli imbroglioni e i ciarlatani, la dottoressa è molto famosa perchè nella sua carriera non ha mai confermato eventi paranormali, ma quando Simon Silver, ritorna dal suo rifugio segreto dicendo di voler dimostrare le sue doti di medium, il giovane decide che è venuto il momento di smascherarlo, ma trova nella dottoressa il rifiuto categorico di esaminarlo, anche perchè chi dissente Simon Silver fa una brutta fine, come un giovane che è morto prima del suo ritiro.
Il giovane non ci sta, e preso dalla testardaggine lancia una sfida a Silver, ma le cose non sono come sembrano, e ben presto il giovane dovrà fare una scoperta sulla sua natura tenuta nascosta da tempo.
Questo è il secondo film che recensisco di Cortés, che si ripresenta al pubblico con un thriller di gran classe, stilisticamente raffinato e intelligente e con un tris di attori con le palle, anche se devo ammettere che Robert De Niro in questo ruolo di medium da una interpretazione piuttosto misurata, avrei preferito che si lasciasse andare un po' di più.
Poi c'è Sigourney Weaver, la migliore del film, che riesce ad impersonare una persona sicura di se e razionale, ma che riesce a farsi domande in maniera naturale e non superficiale.
Cillian Murphy invece mi ha colpito più di tutti, è un giovane si, ma che conosce benissimo le qualità dei medium, compresi tutti i trucchi, e non ha paura di Silver, il suo personaggio non è il tipo spericolato, anzi è quello che vuole vederci chiaro non lasciando trasparire nulla allo spettatore di cosa nasconde in realtà, lo scopriremo alla fine, con un finale a sorpresa degno da lasciare a bocca  aperta, uno scacco matto al re Silver che si vedrà fregato il suo ruolo di mago che si rivela in realtà per quello che è.
Non dico assolutamente nulla, anche perchè sarebbe un peccato per chi non l'ha visto rischiare di parlare troppo si perde la sorpresa finale.
E' un film particolare, ben scritto e ben diretto che ha un intreccio intelligente e logico che lo spettatore deve seguire scena dopo scena per poterlo capire come si deve.
APPETITOSO
Buona visione.


Commenti

  1. Non un capolavoro, ma si può guardare. Buona soprattutto la parte iniziale...

    RispondiElimina
  2. spiazza in qualche occasione e poi l'argomento è sempre stuzzicante. Buon film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, poi c'è quel finale a sorpresa che ti lascia a bocca aperta, lì ho detto WOW!!! Hahaha

      Elimina
  3. Molto ben girato ed interpretato, peccato per quel finale messo davvero lì tanto per. Poteve essere un capolavoro, e invece...

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.