Passa ai contenuti principali

Argo

Opera terza di Ben Affleck, e anche stavolta non si smentisce. Dirige un film solido, che trae ispirazione da un fatto realmente accaduto durante l'occupazione dell'Ahiatollah Komehini in Iran.
Il film è ambientato negli anni settanta e racconta di un operazione della CIA per liberare gli ostaggi americani, tenuti prigionieri dal regime e perciò sono impossibilitati a tornare a casa. Come fare quindi per farli tornare alle loro vite? Ci pensa un astuto agente segreto, che fingendosi produttore di un film di fantascienza che deve essere girato in Iran, cercherà in tutti i modi di camuffare gli americani facendo credere alle autorità che è gente che lavora alla produzione, naturalmente il tutto verrà fatto grazie alla complicità di gente che veramente lavora nel mondo del cinema.
Non sarà affatto facile eludere le forze dell'ordine, anzi sembra quasi una missione impossibile, eppure quell'agente ostinato sa che ce la può fare, pur consapevole che rischia persino la vita, ma poco importa, perchè l'operazione non solo riuscirà anche se per un pelo, ma poco importa, ma verrà ricordata anche per quel film inesistente che sarà la scusa per liberare gli ostaggi.
Lo dico subito, è un film riuscitissimo, Ben Affleck dimostra di saper maneggiare una storia, ma soprattutto sa come fare per dirigere un film nel modo migliore possibile, conosce molto bene come fare per raccontare una storia, e questo sin dal suo esordio, e con questa opera terza come ho detto all'inizio di questa recensione non si smentisce proprio.
E' un ottimo film, scritto benissimo e recitato altrettanto bene, che sa anche fare riflettere sugli avvenimenti, l'inizio è travolgente, si comincia a raccontare dello scià di persia, e degli aiuti che ha ricevuto dagli americani, per poi continuare a raccontare il colpo di stato che ha portato al potere il regime di Komehini, per poi approdare al problema principale, in maniera documentaristica, che non confonde le acque, anzi è una spinta in più per comprendere i reali fatti e capire ogni punto di vista, poi c'è la CIA, e la tensione che cresce man mano che la storia va avanti, dosata al punto giusto da un abilissimo direttore cinematografico, che sa capire gli stati d'animo dei suoi protagonisti e li racconta, senza falsi pudori o inutili scene facilone.
E' un film sincero, diretto da un autore che vuole raccontare le cose come sono avvenute realmente, evitando facili sentimentalismi, e di questi tempi, è una cosa più unica che rara.
DA NON PERDERE.




Commenti

  1. Visto da poco anch'io, davvero un bel film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mooolto bello, Ben Affleck dietro la macchina da presa promette bene :)

      Elimina
  2. è da Oscar
    e intanto ha beccato 2 GOLDEN GLOBES (miglior film drammatico e miglior regia)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.