Passa ai contenuti principali

Fargo

I fratelli Coen, sanno come divertire lo spettatore, ma la loro genialità sta anche nello spiazzarli, così nel 1996 escono con questo che per molti è il miglior film da loro diretto e prodotto: Fargo.
Fargo è la storia di un rapimento finito in un bagno di sangue, il cui principale colpevole è un uomo - William H Macy - che ha bisogno di una grossa liquidità, forse per debiti accumulati e che organizza il rapimento della propria moglie, per ottenere il riscatto dal suocero che è proprietario di un autosalone in cui lavora.
Il problema è che i rapitori da lui ingaggiati, finiscono per far fuori qualsiasi persona si trovano davanti e che in un modo o nell'altro gli mette i bastoni fra le ruote.
Molti omicidi cominciano a lasciare tracce piuttosto evidenti, e una poliziotta incinta comincia le indagini per sbrogliare la complicata matassa, e come un uccellino che raccoglie le molliche di pane piano piano, le raccoglie tutte, fino ad arrivare alla soluzione perchè i rapitori sono anche stupidi, invece di fare un semplice sequestro di persona, fanno di testa loro, e mattone dopo mattone tutti i nodi vengono al pettine.
A complicare le cose si ci mette anche il suocero, cioè il padre della donna rapita che decide di pagare il riscatto. I rapitori che sono daccordo in un modo si trovano davanti a un altra persona e via un altra palla al piede da far fuori, e verrà fatto fuori anche colui che chiede il biglietto dell'autostrada, insomma le tracce che si accumulano sono talmente tante che per Margee - una bravissima Frances McDormand giustamente premiata con l'oscar - cercare di ricostruire i fatti non sarà poi così complicato.
E' con questo bellissimo Noir, ambientato in una nevosa Minneapolis, che i Coen dirigono il film della maturità, pur rispettando le regole del genere, cercando di personalizzare la storia alla loro maniera, fanno di questo noir uno dei migliori film degli anni novanta.
Fargo è un capolavoro, soprattutto perchè in questo film cercano di evitare di essere sopra le righe come in tutti i film che hanno diretto e realistico, evitando simili facilonerie che avrebbero impedito alla storia di essere  superficiale, invece puntano sulla brutalità e la stupidità umana, creando picchi di tensione che non lasciano lo spettatore dall'inizio alla fine.
Così come dovrebbe essere un vero e grandissimo noir, i personaggi mandano tutto a puttane alla fine, perchè si fanno prendere dall'avidità e non capiscono che prima o poi saranno smascherati grazie alle tracce sparse in giro.
CAPOLAVORO.



Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.