Passa ai contenuti principali

Frankenweenie

Se Tim Burton non è come prima nessuno può dire che il suo talento sia scomparso, e lo dimostra questo magnifico film; Frankenweenie pur essendo un remake di un corto uscito nell'84, che a sua volta è stato rifiutato dalla disney, adesso esce come un vero e proprio lungometraggio: e che lungometraggio.
Quando Tim Burton si da all'animazione da il meglio di se, e lo dimostrano pellicole come Nightmare Before Christmas e La sposa cadavere, non è da meno anche questo ultimo bellissimo  film.
Che sia finalmente un ritorno alle origini? Lo spero bene, perchè sarebbe una bellissima novità quella di guardare i film che riesce a fare Tim e restare felice dopo la visione.
Lo spero bene, anche perchè Frankenweenie  promette molto ma molto bene, la fotografia è in bianco e nero, come il corto originale, solo che non è un opera live action, ma è un vero e proprio film d'animazione, davvero ottimo, che aggiunge nuova linfa alla sua lista di capolavori, anche se è uscito dopo il curioso Dark Shadow che era un tantino meglio del disastro di Alice in Wonderland, che ancora non ho recensito ma ho scritto un articolo a riguardo, dopo averlo visto.
In questo film c'è tutta la tematica che è presentissima nel cinema di Tim, la sua ossessione per il mito di Frankenstein, l'outsider che è in realtà l'eroe della storia, i pregiudizi dei vicini, e tanto altro ancora.
La storia è molto commovente, il piccolo Victor Frankenstein - un chiaro omaggio all'opera di Mary Shelley - scopre il modo per far tornare in vita il suo cane morto, e allora usa tutti i mezzi per riportarlo in vita riuscendoci alla grande, ma come fare per nascondere il suo amico ritrovato ai suoi genitori e ai suoi amici impiccioni?
Ci penserà a custodire il segreto un amica che ha un gatto che Victor non sopporta, ma un compagno di scuola rischia di metter in luce il suo segreto, come fare a controllare il cane ritornato che terrorizza i vicini e vivere normalmente?
Un bellissimo film danimazione che ridona luce al cinema di Tim Burton speriamo che segua questa strada e che non si impianta di nuovo in film che invece di mettere in risalto il suo talento lo offusca.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.






Commenti

  1. a brevissimo me lo sparo, speriamo non deludi le mie fortissime aspettative! da come ne parli sembra figo, daje tutta!!

    RispondiElimina
  2. Devo vederlo. Soprattutto perchè ho amato (e amo) il corto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. anche io lo amo il corto, che è presente nel dvd di Nightmare befor christmas che ho acquistato in edicola e ho potuto vedere ^_^

      Elimina
  3. Molto carino. E' un ritorno alle origini per Burton (d'altronde si tratta dell'ampliamento di un corto di molti anni fa), che in questo film affronta le tematiche di sempre: elogio del 'diverso', speranza in un aldilà ben più 'umano' del nostro presente, fiducia nella bontà delle anime candide e sensibili... leggero e delicato. Da vedere!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.