Passa ai contenuti principali

Ghostbuster

E' uno dei film più cool degli anni ottanta, uscito esattamente nel 1984 a rivederlo adesso non ha perso il suo smalto, ma soprattutto il suo humor acuto e intelligente.
Diretto da Ivan Reitman e interpretato da Dan Aykroyd, Bill Murray Harold Ramis e Sigourney Weaver che era diventata una star 5 anni prima interpretando Alien, il film è ormai diventato un classico del cinema fantastico, grazie ad una regia astuta e accattivante che strizza l'occhio sia al pubblico adulto sia ai ragazzi, che è il pubblico a cui si dovrebbe rivolgere maggiormente, ma che riesce a conquistare anche il pubblico più adulto.
Il film narra di un gruppo di studiosi di fenomeni paranormali che si trova spiantato dal loro laboratorio perchè non ha pagato l'affitto, ma uno di loro ha una idea geniale, e qual'è? Fare gli acchiappafantasmi, prendere armi e bagaglini e ampliare le loro ricerche, in un primo momento la cosa sembra una pazzia, che nessuno farebbe mai, ma diventerà un successone quando si capirà che New York è letteralmente invasa dai fantasmi: riusciranno i nostri eroi ad aiutare i cittadini a liberarsi dei fantasmi? La risposta è SI!!!
Ovviamente non hanno fatto i conti con una fascinosa donna che non è vittima di un fantasma, ma di un demone, come fare a scacciarlo? Grazie alla storia d'amore che nasce con uno degli acchiappafantasmi, che forse è il più coraggioso del trio, cercheranno di salvarle la vita, ma sarà una lotta durissima e senza esclusione di colpi, chi la spunterà? E soprattutto come faranno a liberare la ragazza dopo che il demone si è impossessato di lei?
In un crescendo di situazioni goliardiche e piene di tensione ecco che Ghostbuster riprende il cinema fantastico cercando di creare qualcosa di insolito, a metà strada tra il ghost movie e la commedia, generando un ibrido, che non ha nulla a che fare con l'horror in genere, non ci sono scene di paura, perchè principalmente è un film fantastico che immischia la commedia, il che gli da un appeal unico nel suo genere.
Un cult di quelli che non stancano mai, e che hanno segnato la mia infanzia, e forse anche la vostra soprattutto se siete della generazione dei nati negli anni settanta, in conclusione Ghostbuster è un titolo imperdibile per gli amanti del cinema fantastico e di genere in particolare.
CULT ASSOLUTO.


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.