Passa ai contenuti principali

Ghostbuster

E' uno dei film più cool degli anni ottanta, uscito esattamente nel 1984 a rivederlo adesso non ha perso il suo smalto, ma soprattutto il suo humor acuto e intelligente.
Diretto da Ivan Reitman e interpretato da Dan Aykroyd, Bill Murray Harold Ramis e Sigourney Weaver che era diventata una star 5 anni prima interpretando Alien, il film è ormai diventato un classico del cinema fantastico, grazie ad una regia astuta e accattivante che strizza l'occhio sia al pubblico adulto sia ai ragazzi, che è il pubblico a cui si dovrebbe rivolgere maggiormente, ma che riesce a conquistare anche il pubblico più adulto.
Il film narra di un gruppo di studiosi di fenomeni paranormali che si trova spiantato dal loro laboratorio perchè non ha pagato l'affitto, ma uno di loro ha una idea geniale, e qual'è? Fare gli acchiappafantasmi, prendere armi e bagaglini e ampliare le loro ricerche, in un primo momento la cosa sembra una pazzia, che nessuno farebbe mai, ma diventerà un successone quando si capirà che New York è letteralmente invasa dai fantasmi: riusciranno i nostri eroi ad aiutare i cittadini a liberarsi dei fantasmi? La risposta è SI!!!
Ovviamente non hanno fatto i conti con una fascinosa donna che non è vittima di un fantasma, ma di un demone, come fare a scacciarlo? Grazie alla storia d'amore che nasce con uno degli acchiappafantasmi, che forse è il più coraggioso del trio, cercheranno di salvarle la vita, ma sarà una lotta durissima e senza esclusione di colpi, chi la spunterà? E soprattutto come faranno a liberare la ragazza dopo che il demone si è impossessato di lei?
In un crescendo di situazioni goliardiche e piene di tensione ecco che Ghostbuster riprende il cinema fantastico cercando di creare qualcosa di insolito, a metà strada tra il ghost movie e la commedia, generando un ibrido, che non ha nulla a che fare con l'horror in genere, non ci sono scene di paura, perchè principalmente è un film fantastico che immischia la commedia, il che gli da un appeal unico nel suo genere.
Un cult di quelli che non stancano mai, e che hanno segnato la mia infanzia, e forse anche la vostra soprattutto se siete della generazione dei nati negli anni settanta, in conclusione Ghostbuster è un titolo imperdibile per gli amanti del cinema fantastico e di genere in particolare.
CULT ASSOLUTO.


Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.