Passa ai contenuti principali

Prima ti sposo, poi ti rovino

Nuovo appuntamento con i fratelli Coen, questa settimana ho scelto Prima ti sposo, poi ti rovino, un altra incursione nel cinema mainstream dopo l'avventura di Mr Hoola Hop, ma non solo: è il secondo capitolo della trilogia dell'idiota, che ha come protagonisti George Clooney e Catherine Zeta Jones.
Lui è Miles Massee, un avvocato divorzista che riesce a spennare chiunque gli si capita davanti, Lei è Marylin una cercatrice di polli da sposare e poi da spennare, tutto va per il verso giusto fino a quando non capita che il marito ingaggi Miles che la frega lasciandola senza il becco di un quattrino...come fare a fregarlo nel suo stesso campo?
Con una buona dose di seduzione e palpitazioni, riesce a far cadere persino l'avvocato nella sua rete, lo impalma e poi lo molla...non vi dico cosa succede dopo - sapete che odio spoilerare nelle recensioni - però vi dico che pur essendo una commedia divertentissima, alcune scene sono particolarmente esilaranti, si veda quella del primo divorzio di Marylin che piange e poi viene fregata dal conçierge gay con il cane che scatena la sua sete di vendetta verso quell'avvocato.
Una commedia riuscita, divertente, di certo i Coen hanno fatto molto meglio, ma il film si fa vedere molto bene perchè è particolarmente frizzante, fresco, acuto e graffiante.
Ben consci di stare alla larga dalle facili commedie romantiche, imbastiscono un racconto stilisticamente accattivante e graffiante, in cui c'è la classica lotta al gatto col topo tra i due protagonisti, vediamo chi impalma chi, non a caso George Clooney è bravissimo, e altrettanto brava è Catherine Zeta Jones viscida maliarda seducente, consapevole di aver attirato la sua preda e cerca di inghiottirla in un sol boccone? Chi vincerà?
La risposta non appena vedrete il film.
I Coen approfittando dei mezzi del cinema mainstream fanno una commedia arguta, che parte benissimo e non molla l'attenzione dello spettatore ma che alla fine perde un po' scegliendo il classico happy end e sgonfiandosi, ma va bene così, il finale non poteva essere diverso, infondo si tratta di una commedia, va presa per quello che è.
Il film resta un esempio di divertimento senza pari, e questo soltanto I Coen lo sanno fare, aggiungendoci sia il loro famoso tocco, sia una feroce satira sul matrimonio, infondo bisogna anche saper ridere del matrimonio perchè no?
DA COLLEZIONARE


Commenti

  1. Credo sia l'unico film dei Coen che non mi è piaciuto per nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me invece è piaciuto, peccato per la cattiveria che si sgonfia alla fine...

      Elimina
  2. E' piaciuto anche a me,certamente tra i film "minori" dei Coen..ma divertente

    RispondiElimina
  3. Sicuramente in fondo alla classifica di gradimento per quel che riguarda i film dei Coen però se tutte le commedie romantiche americane di oggi fossero così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, il film è divertente e ha un senso dell'umorismo che non l'abbandona dall'inizio alla fine :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.