Passa ai contenuti principali

Prima ti sposo, poi ti rovino

Nuovo appuntamento con i fratelli Coen, questa settimana ho scelto Prima ti sposo, poi ti rovino, un altra incursione nel cinema mainstream dopo l'avventura di Mr Hoola Hop, ma non solo: è il secondo capitolo della trilogia dell'idiota, che ha come protagonisti George Clooney e Catherine Zeta Jones.
Lui è Miles Massee, un avvocato divorzista che riesce a spennare chiunque gli si capita davanti, Lei è Marylin una cercatrice di polli da sposare e poi da spennare, tutto va per il verso giusto fino a quando non capita che il marito ingaggi Miles che la frega lasciandola senza il becco di un quattrino...come fare a fregarlo nel suo stesso campo?
Con una buona dose di seduzione e palpitazioni, riesce a far cadere persino l'avvocato nella sua rete, lo impalma e poi lo molla...non vi dico cosa succede dopo - sapete che odio spoilerare nelle recensioni - però vi dico che pur essendo una commedia divertentissima, alcune scene sono particolarmente esilaranti, si veda quella del primo divorzio di Marylin che piange e poi viene fregata dal conçierge gay con il cane che scatena la sua sete di vendetta verso quell'avvocato.
Una commedia riuscita, divertente, di certo i Coen hanno fatto molto meglio, ma il film si fa vedere molto bene perchè è particolarmente frizzante, fresco, acuto e graffiante.
Ben consci di stare alla larga dalle facili commedie romantiche, imbastiscono un racconto stilisticamente accattivante e graffiante, in cui c'è la classica lotta al gatto col topo tra i due protagonisti, vediamo chi impalma chi, non a caso George Clooney è bravissimo, e altrettanto brava è Catherine Zeta Jones viscida maliarda seducente, consapevole di aver attirato la sua preda e cerca di inghiottirla in un sol boccone? Chi vincerà?
La risposta non appena vedrete il film.
I Coen approfittando dei mezzi del cinema mainstream fanno una commedia arguta, che parte benissimo e non molla l'attenzione dello spettatore ma che alla fine perde un po' scegliendo il classico happy end e sgonfiandosi, ma va bene così, il finale non poteva essere diverso, infondo si tratta di una commedia, va presa per quello che è.
Il film resta un esempio di divertimento senza pari, e questo soltanto I Coen lo sanno fare, aggiungendoci sia il loro famoso tocco, sia una feroce satira sul matrimonio, infondo bisogna anche saper ridere del matrimonio perchè no?
DA COLLEZIONARE


Commenti

  1. Credo sia l'unico film dei Coen che non mi è piaciuto per nulla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a me invece è piaciuto, peccato per la cattiveria che si sgonfia alla fine...

      Elimina
  2. E' piaciuto anche a me,certamente tra i film "minori" dei Coen..ma divertente

    RispondiElimina
  3. Sicuramente in fondo alla classifica di gradimento per quel che riguarda i film dei Coen però se tutte le commedie romantiche americane di oggi fossero così...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai ragione, il film è divertente e ha un senso dell'umorismo che non l'abbandona dall'inizio alla fine :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…