Passa ai contenuti principali

Jurassic Park

E' il primo film ad aver realizzato creature create al computer, si perchè i dinosauri che vedete, non tutti ma la maggioranza sono stati creati al computer, una rivoluzione, al cinema prima di allora nessuno aveva creato creature al computer.
Ma alla sua uscita quando lo vidi la prima volta in televisione non mi piacque molto, mi sembrava troppo artificiale, forse non ero ancora abituata a vedere creature digitali; ma il film rimane innovativo soprattutto per questo.
E c'è di più, il film è tratto dall'omonimo romanzo di Michael Crichton, con sceneggiatura scritta dallo stesso Crichton a quattro mani con David Koepp, possiamo definirlo film giocattolo? Blockbuster? O quello che volete voi, ma resta soprattutto un opera che riflette sui limiti dell'uomo che creando un parco giochi per dinosauri, non riflette sulle conseguenze di animali estinti milioni di anni fa e che sono praticamente sconosciuti agli uomini, la domanda più specifica del film è può l'uomo convivere con i dinosauri?
Ce lo spiega Ian Malcolm, un bravo Jeff Goldbloom che sottolinea la  sfrontatezza degli scienziati di ricreare qualcosa estinto che non si conosce, i dinosauri prima dell'arrivo dell'uomo si sono estinti, l'uomo non li conosce, fare una cosa del genere è un po' contro natura, perchè prima di tutto hanno avuto un loro ciclo che li ha portati all'estinzione, poi è arrivato l'uomo, non possono convivere perchè sarebbe - le sue parole - uno stupro della natura.
E le conseguenze arrivano dalla avidità dell'uomo, un imbecille che lavora al parco, cerca di fregare gli embrioni per farsi i soldi e fregare John Hammond e toglie tutte le protezioni per far si che gli uomini possono visitare il parco senza pericoli: Sarà una carneficina, molte persone moriranno e altrettante saranno in pericolo di vita, e l'imbecille? Farà la fine che si merita grazie a un dinosauro che gli butta la bava addosso e lo paralizza, perchè ogni azione porta delle conseguenze.
Un film ad alta tensione che riesce a divertire sequenza dopo sequenza, grazie ad una regia paricolarmente attenta agli umori dei personaggi soprattutto nelle scene di pericolo, e questo crea una forte empatia negli spettatori.
IMPORTANTISSIMO per chi ama Samuel L Jackson in questo film fa un piccolissimo ruolo, quello dell'esperto in computer con la sigaretta in bocca, il ruolo è marginale ma è importante sottolinearlo per chi ama questo attore.
Richard Attemburugh interpreta John Hammond, il creatore del Jurassic Park, che ha costruito con il cuore, tristissima la scena di quando prendono l'elicottero e si sofferma sul suo parco con sguardo di malinconia, poi abbiamo Laura Dern nel ruolo della coraggiosa dottoressa Ellie Sutton, che fa di tutto per portare alla normalità le cose, e per ultimo Sam Neill che riporta a casa i bambini dal nonno dopo averli salvati da un tirannosaurus rex.
Il film diviso in due parti, la felicità della scoperta del parco, e i dinosauri, la scena del branchiosauro all'inizio è magica, poi c'è la parte drammatica, da cardiopalma che lascia senza fiato lo spettatore.
Un film d'avventura intenso e avvincente che fa della tensione il suo punto di forza.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.




Commenti

  1. un blockbusterone super commerciale, persino per spielberg :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. però è fatto fottutamente bene dobbiamo dirlo ^_^

      Elimina
  2. Bellissimo film, non c'è che dire. Spielberg ha sempre avuto la capacità di portare grandi novità nel mondo del cinema.
    P.S. Complimenti per la foto di copertina!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.