Passa ai contenuti principali

Il Grande Freddo

Premessa:
Non ho una grande simpatia per la generazione dei sessantottini, motivi miei personali, ma qui non facciamo polemiche, dobbiamo parlare ma soprattutto recensire un film, allora lo faccio.
Dunque dunque, Il grande freddo parla appunto di un gruppo di giovani che negli anni sessanta voleva cambiare il mondo, giovani con degli ideali che hanno vissuto il sessantotto - che in america è stato ben diverso da quello italiano, ma lasciamo perdere - giovani che si ritrovano, sposati, disillusi, imborghesiti, grazie alla morte per suicidio di un loro amico, ed ex collega di università, una coppia che prova ad avere un figlio, poi c'è un attore che è insoddisfatto della sua vita, e poi c'è la ragazza del defunto, che stringe un amicizia con uno di loro...
E' senza dubbio un film malinconico, che ricorda con nostalgia quanto erano belli i tempi della gioventù e quanto siano cambiati i tempi ora che sono tutti sposati, con famiglia, e le difficoltà del quotidiano hanno cambiato i sogni della gioventù, le speranze e anche gli ideali.
Beh per ogni generazione c'è un po' di malinconia della spensieratezza della gioventù, quella in cui ti sembra di spaccare la mela in due, di sognare, di prendere il mondo e di abbracciarlo, ma la vita inesorabilmente cambia le cose, ci fa imborghesire, ci fa mutare i pensieri, i sentimenti e tanto altro.
La maturità arriva per tutti non c'è niente da fare, e quando arriva ci fa cambiare anche se i protagonisti del film debbo dire che un piccolo barlume di fuoco ce l'hanno ancora, nonostante siano passati tanti anni dai tempi dell'università, decidono di rivedersi per rivedere le loro vite, cercando di esorcizzare la morte del loro amico, di non pensarci, e si mettono in discussione in tutto, e alla fine decidono per cosa è meglio fare.
In un certo senso ho apprezzato molto questo film, che è costruito abbastanza bene, da un regista di talento che sa come puntualizzare il ritratto di una generazione.
Stilisticamente è un film che ritrae una generazione in declino, che ha voglia di cambiare, di confrontarsi, di guardare la propria vita, magari lo faranno in meglio, oppure non lo faranno mai, ma è meglio provarci piuttosto che restare ancorati alla monotonia quotidiana.
Tutti noi cerchiamo noi stessi, e quando una persona cara viene a mancare si cerca sempre di esorcizzare la mancanza onde evitare di soffrire di più, ci si mette in esame e si scava nel profondo per cercare cosa vogliamo davvero, proprio come accade ai protagonisti di questo film, che per altro sono tutti bravissimi.
Il Grande Freddo è e resta uno dei cultissimi che non possono mancare in una collezione che si rispetti, anche per ritrovare noi stessi, che siamo giovani oggi, negli occhi di chi è stato giovane allora.
CULT.



Commenti

  1. Quando lo vidi mi emozionò e lo stesso avvenne attorno a me ..ma forse è per un certo modo di intendere l'amicizia

    RispondiElimina
  2. è un film a cui all'epoca mi avvicinai con tanti pregiudizi che poi si dissolsero subito come neve al sole...anche per me un cultissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si ci sono tante scene favolose, questo gruppo di amici cerca di esorcizzare la morte di uno di loro e si mette in discussione, è come se sono arrivati a un bivio - tralasciando il sessantotto che è tutto un altro discorso in cui si dovrebbe fare un papello e non ne vale la pena, almeno non in questa sede - e allora vogliono ritrovare la scintilla.

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…