Passa ai contenuti principali

Fratello dove sei?

Signore e signori, siete pronti? Ecco la prima parte della trilogia dell'idiota dei fantastici, mitici superfichissimi, intelligentissimi e tanto altro ancora, ma non sto qui ad elencare perchè altrimenti non basterebbe un intero blog, fratellini Coen.
C'è da stupirsi se ho iniziato in modo goliardico la recensione? Asssolutamente no, apparte che stasera sono di buonumore, poi perchè manca poco e c'è la notte degli oscar, che spero di vedere e commentare in diretta nel blog, vedremo, ah concentriamoci sul film.
Lo stavo dimenticando, scusate, ecco ora sono tornata di nuovo in me, allora, avete presente quando siete davanti a un film e ti accorgi che la pellicola che stai guardando è divertentissima, e ha delle scene una più esilarante dell'altra, in cui i protagonisti sono uno più matto dell'altro, e nonostante ciò li trovi simpatici e fai il tifo per loro? Bene, la pellicola in questione è Fratello dove sei? Ambientato nel profondo sud durante la grande depressione Ulisses Everett McGill - un bravissimo e strampalato George Clooney qui al suo primo film con i fratellini - evade dalla prigione e ha un piano, in cui coinvolge altri galeotti come lui, in realtà lui vuole tornare a casa da sua moglie...ahia, scusate lo spoiler, e nel frattempo conosce un chitarrista nero con cui incidono una canzone che diventa un successone, e loro che sono inconsapevoli di ciò continuano la loro fuga, e nella loro strada incontrano, prima un ladro di banche che gli da il bottino, poi una congrega religiosa di gente che si battezza, poi delle ninfe, che li seducono e infine il ku klux klan.
Nel frattempo uno dei tre scompare, e credendo che le ninfe lo hanno trasformato in rospo se lo portano dietro in una scatola.
Quando incontrano un truffatore che uccide il rospo, scappano e vedono le figlie di Ulisses che partecipano a un concorso canterino...come fare per riconquistare la famiglia e tornare a casa?
Per saperlo dovete guardarvi questo divertentissimo film.
I fratelli Coen si divertono a criticare l'america del sud con un film volutamente sopra le righe, i cui protagonisti sono John Turturro, attore feticcio dei Coen, presente in quasi tutta la loro filmografia, George Clooney qui alla prima prova con i fratellini, e Tim Blake Nelson che in seguito dirigerà diverse pellicole.
Ed ecco che qui si fa una presa in giro dell'america, volutamente intrisa di razzismo, di ignoranza e chi più ne ha più ne metta, e l'americano medio che viene preso per i fondelli volutamente costruendo una miscela di divertimento e spensieratezza unici, da due autori capaci di scrivere e criticare usi e costumi tipici americani e riderci su, facendo ovviamente una critica e strizzando l'occhio allo spettatore.
Volutamente potremmo definirlo una versione atipica dell'odissea di omero, in cui i protagonisti sono autentici imbecilli in cerca di una via d'uscita per una nuova vita.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. divertentissimo, una bomba! di sicuro uno dei migliori dei Coen!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dall'inizio alla fine hehehe, quanto mi piacciono i fratellini ^_^

      Elimina
  2. si ! divertente da "morire" ! E le musiche ! visto più di 3 volte...non li capisco subito.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ed è proprio questa la magia hahaha, sta nelle scene esilaranti e nella musica country, loro incidono un disco, e mentre scappano sono inconsapevoli che la canzone sta avendo un successone, infatti quando la cantano in pubblico la gente balla e batte le mani a tempo e loro li gurdano stupiti hahaha

      Elimina
  3. Altro film riuscitissimo dei Coen. Belle le tue parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh si, la rece non poteva essere scritta in maniera diversa :D

      Elimina
  4. Oddio lo devo recuperareeeee!!! Oggi in radio ho parlato de Il grande Lebowski. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. valentina recuperalo, e dimmi cosa ne pensi ok? :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.