Passa ai contenuti principali

Lo Hobbit - Un viaggio inaspettato

Un film attesissimo, da lungo tempo, doveva dirigerlo Guillermo del Toro ma per altri  impegni ci ha rinunciato, al timone di regia torna Peter Jackson e divide il romanzo di JRR Tolkien in tre film.
Questo è il primo film, il cui titolo è Un viaggio inaspettato e diciamocelo subito, Lo Hobbit è il prequel de Il signore degli anelli e nonostante sia differente rispetto alla prima trilogia, è senza dubbio all'altezza dell'opera che l'ha preceduta.
Una nuova avventura attende Bilbo Baggins, che è il protagonista assoluto questa volta, durante la visione ho avuto la sensazione di assistere alla rilettura di una fiaba, ma non un semplice raccontino per bambini, ma una fiaba capace di sorprendere il pubblico per la sua complessità, pur restando nel rispetto dei canoni del fantasy si allontana dalla prima trilogia che era più avvincente, ma forse il bello deve ancora arrivare, speriamo nei prossimi film che ovviamente guarderò e recensirò.
Non mancano i camei di Frodo che si vede all'inizio, prima di cominciare l'avventura, Bilbo è seduto su una sedia che scrive andata e ritorno, le sue memorie, e da lì comincia il film vero e proprio,  in cui Bilbo si trova alle prese di una missione, cacciare il drago Smaug che si è impadronito del tesoro ha costretto i nani alla fuga, loro devono impadronirsi nuovamente del tesoro, e come fare per cacciare l'usurpatore e riconquistare il loro posto?
In aiuto dei nani arriva Gandalf, che va a trovare Bilbo, che in un primo tempo si dimostra riluttante a partire, poi grazie all'arrivo di altri nani, si convince ad aiutarli, così comincia l'avventura, che sarà anche una occasione per conoscere tutti quanti si mettono in cammino per riconquistare il tesoro perduto.
Un film avvincente ed entusiasmante, che a differenza del signore degli anelli, viene narrato, presenta un ritmo lento ma incisivo che rappresenta una riflessione su ogni personaggio della storia.
Questa volta Peter Jackson non si è limitato solo a grandi e innovativi effetti speciali, se cercate grandi battaglie e colpi di scena potreste rimanere delusi; la cosa che mi ha sorpreso è la costruzione della psicologia di ogni personaggio e dei rapporti che nascono nella compagnia, per una volta si è limitato a raccontare una storia narrandola, come fosse un romanzo da guardare più che da leggere, il libro non so come sia, e sarà sicuramente molto meglio del film, ma siccome sto recensendo il film mi limito alla recensione di questa fantastica opera cinematografica.
Un film capace di incatenarti alla poltrona, facendo riflettere sulla natura delle cose fondamentali della vita, che vengono narrate senza far uso di particolari effetti speciali, ma lasciando una  magia unica.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.


Commenti

  1. BRAVISSIMO Jackson
    ha trasportato in alto un romanzo mediocre, ricavandone una vera epopea
    aspetto gli altri 2 episodi

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.