Passa ai contenuti principali

ACAB - All Cops are bastard

Uno sguardo intenso e drammatico sul mondo dei componenti della squadra antisommossa, i cosidetti celerini.
Stefano Sollima esordisce alla regia raccontando uno spaccato duro dell'italia di questi ultimi anni, e lo fa entrando dentro la squadra dei celerini, che sono uomini abituati alle maniere forti, avvolte andando persino contro i regolamenti del mantenimento dell'ordine pur di fare giustizia a modo loro.
Lo capisce un giovane celerino da poco entrato nel corpo, che da sbarbatello imparerà a sue spese a maturare guardando come la violenza può entrare anche nel corpo della polizia, che dovrebbe proteggere il cittadino piuttosto che abusare del suo potere.
La violenza genera altra violenza, e mentre sono impegnati negli stadi a manterere ordine, oppure  ad arrestare prostitute, o anche cercare di mantenere ordine nelle manifestazioni di protesta, può succedere che la violenza nasca anche per una questione di tornaconto personale che non ha nulla a che fare con il mantenere ordine tra i cittadini.
I Celerini sono uomini abituati a manganellare, la violenza gli scorre a fianco, sono padri, mariti, figli, che vivono in un mondo in precario equilibrio tra il rispetto della legge e il picchiare solo per il gusto di farlo.
Chi è onesto non può che fare rispettare le regole e restare sempre fedele a se stesso, ma ci sono anche altre persone che si fanno corrompere dal loro potere, e allora è la fine per tutti.
Un film semidocumentaristico, piuttosto reale, che mette spietatamente in luce cosa è adesso il corpo dei celerini in italia, girato con assoluta sincerità da colpire lo spettatore dall'inizio alla fine, alla regia abbiamo Stefano Sollima che dimostra già all'esordio che quello che vuole raccontare lo racconta partendo dal presupposto che bisogna anche criticare chi il potere dato dallo stato lo usa non per proteggere, ma per approfittare e cercare di trarne vantaggio sui più deboli.
Uno spaccato drammatico e crudele sulla violenza che è raccontata non facendo un romanzetto, ma per come realmente è, senza mascheramenti inutili, lo dimostrano le carrellate della macchina da presa dritte sulle manifestazioni, sugli stadi, che sono un autentico pugno allo stomaco per lo spettatore.
E' un film assolutamente da vedere, per riflettere su chi approfitta dei più deboli, ma con una lezione data dal celerino onesto all'ultimo li denuncia a tutti restando fedele a se stesso e non si fa corrompere, perchè il potere deve essere usato per proteggere i cittadini, non per picchiare persone innocenti e inermi.
Impareranno la lezione?
DA NON PERDERE



Commenti

  1. Spero di andarlo a vedere presto, ritengo l'argomento interessante. Anche perché alla fine degli anni 70 qualche manganellata l'ho ricevuta da questi squadristi codardi che caricavano sugli studenti disarmati.
    Gli studenti cambiano, le lotte sono diverse come gli slogan e gli striscioni, ma i celerini continuano a caricare e a uccidere.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.