Passa ai contenuti principali

Minority Report

Che succede quando Spielberg incontra Philip k Dick?
Un incontro che definirei di puro intrattenimento coniato da una storia che avvince dall'inizio alla fine, un incontro magico che ha dato vita a un grande film: Minority Report.
Qui il protagonista è Tom Cruise che lavora per la prima volta con Spielberg, e interpreta il ruolo di un agente precrimine, che grazie ai precog, persone che potremmo definire veggenti, hanno il modo di prevedere i futuri crimini e di evitarli.
Tutto sembra andare per il verso giusto, la precrimine ha quasi annullato gli omicidi ed è un dipartimento perfetto...ma è davvero così?
A cominciare a mettere la pulce nell'orecchio di questa organizzazione è una visione di una precog, la donna la più dotata, e prima ancora un agente dell'fbi che vuole vederci chiaro, e che crede che la precrimine non sia così infallibile, sicuramente ha delle pecche.
Quando Agatha, fa vedere a John - Cruise - l'eco di un omicidio lui ne parla con il suo capo, ma inspiegabilmente dopo qualche giorno vede la previsione di un omicidio che deve commettere lui...ma cosa si nasconde in questo? John non conosce affatto l'uomo che deve uccidere, e non conosce neanche il motivo, allora si mette in fuga per scoprire e soprattutto per costruire i fatti e trovare una soluzione, ma come fare per arrivare al nocciolo della questione? Per farlo prima di cambia gli occhi per non essere riconosciuto dalle spie, poi rapisce Agatha grazie al suggerimento di chi ha fatto nascere la precrimine, da lì comincia a sbrogliare la complicata matassa che lo porta direttamente al colpevole...chi? Dovete vedere il film per saperlo, vi do solo un suggerimento, è una persona molto vicina a John, ma lui sarà abbastanza intelligente da smascherarlo.
Un film coinvolgente ed entusiasmante, Minority Report è uno di quei film in cui quando li guardi ti accorgi quanto sono sorprendenti, la regia di Spielberg sa come prendere un racconto di PK Dick, conosce bene l'argomento e lo personalizza con un sapiente lavoro di  immedesimazione, che riesce a creare raccontando la storia, che è un breve racconto di Dick, senza edulcolorazioni e facili smancerie, prendendolo esclusivamente per come è.
L'empatia con i personaggi raggiunge livelli altissimi con una costruzione particolarmente curata della psicologia dei personaggi, in modo da inserire lo spettatore quasi come fosse dentro un film.
DA NON PERDERE ASSOLUTAMENTE.







Commenti

  1. L'avevo visto al cinema quando era uscito e se non sbaglio mi era piaciuto... purtroppo ne conservo un ricordo assai nebuloso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. riguardatelo :) speriamo che ti ripiaccia come quando l'hai visto al cinema XD

      Elimina
  2. Anche a me era piaciuto parecchio e la trasposizione non aveva nulla da invidiare al racconto di Dick. Uno degli Spielberg che mi piacciono.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si è senza dubbio uno dei suoi film più belli :)

      Elimina
  3. Visto e rivisto..molto piacevole.

    RispondiElimina
  4. L'ultimo vero capolavoro di Steven Spielberg, molto meno 'commerciale' di quanto uno s'immagina. E con un profondo significato politico. Bellissimo.

    RispondiElimina
  5. Stravolto totalmente il racconto originario, ma davvero un film coinvolgente, poetico e adrenalinico. Io lo adoro!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.