Passa ai contenuti principali

Non uno di Meno

Eeeeh questo film è un capolavoro, mi ha fatto amare alla follia il cinema di Zhang Yimou, anche se sinceramente non è il primo film che vedo.
Il primo film che ho visto è stato Lanterne Rosse anni fa, perchè l'aveva registrato mio padre dalla televisione, pur piacendomi mi colpì tanto, poi è arrivato internet e il pc e sono arrivati anche gli altri film.
Prima Hero, poi La Città Proibita e La Foresta dei Pugnali Volanti, che ho recuperato grazie a internet.
Poi continuando questo film, con cui il cinese Zhang Ymou è entrato di diritto nel mio olimpo personale, l'ultimo che ho visto è stato il bellissimo Vivere, ma ne parlerò in futuro.

Questo film racconta di una maestrina, una adolescente che dovrebbe prendersi cura di alcuni bambini in una scuola povera, che non si arrende davanti a nulla pur di cercare e trovare un bambino scappato dalla scuola per farlo studiare.
Il bambino ha serie difficoltà in famiglia, con la mamma malata e il padre assente, vuole prendersi cura lui di lei, e andare a lavorare; ma la maestrina non ci sta.
Un bambino deve studiare per crescere bene, e lo cerca per tutta la città fino a trovare una stazione televisiva dove chiede di presenziare alla trasmissione pur di trovarlo e riportarlo a scuola...ce la farà?

Questo film è un capolavoro punto.
Cos'altro dire di un film capace di entrarti in empatia con una storia apparentemente complessa, ma di una leggerezza tale da lasciarti senza fiato, allo stesso tempo però è capace di trascendere il punto criticando la società cinese di poco rispetto per i bambini che hanno bisogno di studiare anzichè lavorare.
Un ritratto acuto e brillante di una scuola, e incarnato nella figura della maestrina che dimostra di avere un anima rispetto a tutti coloro che le stanno intorno, invitando prima i bambini a cercare il compagnetto di scuola, quando non lo trova si arma di coraggio e non si arrende fino a quando non lo riporta a scuola.
Si dice che questo film sia tratto da una storia vera, e che la scuola non è stata abbattuta, facendo si che si ampliasse e migliorasse il suo rendimento per fare studiare i bambini, tutti i bambini, nessuno escluso.
Un esempio di grande umanità che rispecchia lo spirito puro di una persona, che tiene fede a ciò che le è stato affidato nel rispetto più assoluto per i bambini.
Come non amare questo film?
Da vedere, assolutamente, sono sicura che vi innamorerete pure voi di questo piccolo ma grande capolavoro.
Voto: 9

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.