Passa ai contenuti principali

L'infanzia di Ivan Иваново детство

Anche oggi c'è una recensione, come vedete io sono qui, anche nei giorni che precedono i festeggiamenti di fine anno, e per oggi ho scelto un film del mio guru spirituale, per chi mi segue sa quanto adori e apprezzi il grande Andrej Tarkovskij, di qui questo è il primissimo film da lui diretto, un film decisamente commovente in cui già si conosce il suo percorso stilistico.
La storia è quella di un bambino che si unisce ai militari in guerra, e questi lo usano perchè è capace di non farsi scovare, ma durante una missione perde la strada e si imbatte su un altro militare che vuole proteggerlo mandandolo in una scuola militare.
Il ragazzino non ci sta, e continua il suo percorso, quando si imbatte in un imboscata e lo fanno prigioniero.
Colui che si è preso cura di lui si accorgerà che qualcosa è andato storto.

Tarkovskij, su di lui dovrei studiare molto, dato che ormai ho visto la sua filmografia intera, ma come sempre non basta guardare solo i film, forse il prossimo anno cercherò di leggere articoli, scritti e anche libri su di lui, mi piacerebbe leggere il suo libro dove racconta il suo cinema, quale occasione migliore per cercare scolpire il tempo? Lo cercherò ve lo prometto e poi ne scriverò qui alla fabbrica.
Intanto ha fatto un film sull'infanzia straordinario, come sempre si tratta di un capolavoro, che denuncia lo sfruttamento dell'infanzia in cose di cui i bambini non dovrebbero occuparsi.
Ma si capisce fin da subito l'indole di sani valori di cui il bambino è capace e che si trova dentro di se.
Questo è uno di quei film per i quali è quasi un sacrilegio fare una recensione, dato l'alta qualità della pellicola, lo si può solamente presentare e invitare il pubblico a guardarlo, come tutti i film di questo grande regista russo, uno dei maestri della settima arte, che i cinefili, e intendo TUTTI I CINEFILI dovrebbero conoscere e imparare ad apprezzare.

Tarkovskij che è sempre stato molto religioso, a dispetto di quanti dicono che in russia non si accettava la religione, lui ha sempre percorso una strada tutta personale, e la si può riconoscere attraverso i suoi film; spesso imperniati in un  aurea filosofico e mistica di cui è impossibile non rimanerne colpiti.
E anche con questo film ha fatto centro, avevate forse qualche dubbio?
Ormai grazie all'amico J Doinel per me una vera e propria guida cinefila, - se non ci fosse lui mi sentirei perduta giuro!!! - ho scoperto e mi ha fatto amare Tarkovskij e da allora ho recuperato e visto grazie alle mie visioni private di film tutta la sua filmografia, mi sembra manchino solamente i cortometraggi che recupereò in futuro se avrò la fortunan di beccarli.
Poi ovviamente cercherò di parlarne qui alla fabbrica, dato che per l'anno prossimo anche i cortometraggi avranno spazio rilevante tra le pagine di questo blog, perchè il cinema non è soltanto fatto di lungometraggi non è vero?
L'infanzia di Ivan è un film sull'infanzia perduta, rubata dalla guerra, e sulla violenza che cambia drasticamente gli esseri umani, un film intenso e profondo che è capace di trascendere qualsiasi opinione a riguardo.
Non è certo un film di cui si può dire mi piace o non mi piace, non esiste, bisogna soltanto guardarlo in silenzio; i significati quelli ci sono eccome, come in tutti i film di Tarkovskij che qui denuncia l'ingiustizia della guerra e lo fa chiaramente scena dopo scena.
In conclusione, un film bellissimo, da guardare in silenzio.
Non si può semplicemente spiegare quello che si sente, Tarkovskij te lo dice piano piano all'orecchio, poi spetta a te esprimere ciò che hai sentito durante la visione, io so  soltanto che l'ho adorato per il coraggio con cui ha denunciato la violenza della guerra capace di sopraffare l'infanzia, e solo per questo va lodato. Punto.
Voto: 10


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Riguarda & Recensisci - Alice in Wonderland

Riguarda & Recensisci

So che mi costa molto fare la recensione di questo film. Per chi come me, è cresciuto con il cinema di Tim Burton, è triste che si sia ridotto ad essere non il genio cinematografico di tanti film entrati ormai da anni nel mio olimpo, film come Beetlejuice, Edward Mani di Forbice, e tanti altri;  devo dire che fortunatamente Tim Burton anche se è caduto in scivoloni dimenticabili, non è ancora sul viale del tramonto.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Riguarda & Recensisci - Cineclassics - Il Dottor Stranamore, ovvero come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Riguarda & Recensisci - CineClassics
Terminato lo special di Riguarda & Recensisci dedicato a Tim Burton, ecco che comincia quello dedicato al più grande regista di tutti i tempi, almeno per la sottoscritta, subito dopo il grande Orson Welles. Potevo non recensire i film che ancora non avevo recensito? Può mancare in un blog di cinema che ambisce ad essere il più completo esistente in Italia, un regista come Stanley Kubrick? Assolutamente no. Ed ecco a voi per vostra gioia questo special, a cominciare dai film che avevo visto, fino a recensire gli ultimi due film che mi rimangono da vedere, per completare l'intera filmografia del grande Stanley, che a due anni di distanza da Lolita, gira un film ancora più controverso del precedente.

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Ciclo Horror Stories - Ghosthunters

Nuovo appuntamento con Horror Stories, con un film che non è affatto male, ma che certamente se lo prendete come stacco tra un film impegnato e l'altro può andare benissimo.
Certo rispetto a diverse pellicole è fatto abbastanza bene e riesce a coinvolgere, ma è spettacolo puro e semplice, quindi pigliamolo per quello che è.