Passa ai contenuti principali

Magic in The Moonlight

E ora tocca al grande Woody Allen che ritorna dopo i fasti di Blue Jasmine con un altra commedia, imperniata di magia, illusionismo e misticismo...Magic in the Moonlight.
Non si tratta certo di uno dei suoi lavori più alti, ma nemmeno di una robetta pacchiana che ho letto in giro, il film è piacevole e scorre via che non te ne accorgi.
Nonostante tutto si fa volere bene, certo la trama è un po' superficialotta, ma rispetto a To Rome With Love di cui è stato paragonato, questo film si fa volere bene.

Ultimamente sto riscoprendo Colin Firth come attore, e devo dire che nonostante tutto se la cava abbastanza bene, in questo ruolo un po' demodè suscita quasi simpatia.
Emma Stone che in passato ho visto protagonista di diversi film tra i quali il bellissimo The Help interpreta onestamente il suo ruolo di medium, tanto da convincere l'illusionista dell'onestà delle sue azioni, fino allo sconvolgente finale in cui si rivelano le carte in tavola...ma non vi anticipo nulla per non rovinarvi la sorpresa.
Un film non riuscitissimo ma che si fa vedere e soprattutto volere bene, non so sinceramente se al giorno d'oggi Woody Allen riuscirebbe a fare un altro capolavoro del livello di Match Point o ottimi film come Midnight in Paris, ma mai dire mai, spesso Woody pesca dal suo cilindro un piccolo grande film che non ti aspetti, ma tutto è colpa della sua prolificità di regista, purtroppo non sempre la ciambella riesce con il buco.

Non si tratta però di questo film, che nonostante tutto ho trovato delizioso.
Un opera imperfetta che bene o male è di un livello un po' più alto di To Rome With Love che è senza dubbio il peggior film di Woody Allen di sempre.
Questo invece presenta dei personaggi intriganti, che in un modo o nell'altro entrano in simpatia dello spettatore, e non è da tutti i giorni per me dire una cosa del genere.
Woody Allen ormai ha quasi ottant'anni, e non ha perso la voglia di girare film, come dimostra questa pellicola, un po' maltrattata in giro che sicuramente merita una rivalutazione più ampia, perchè pur con i suoi difetti, riesce sempre ad avere il magico Woody's style, d'altronde Allen non è mai stato un grande regista spericolato con la macchina da presa, a lui interessano gli esseri umani, lo ha precisato in una intervista anni fa, preferisce interagire con la storia e i personaggi anzichè sbizzarrirsi con la macchina da presa.
Altre vedute, sicuramente da narratore abile qual'è - e Woody Allen E' un grande narratore - preferisce sempre entrare in empatia con il suo pubblico piuttosto che stupirlo, per questo è più amato in europa che a casa sua.
Voto: 6 e 1/2


 

Commenti

  1. io l'ho trovato abbastanza inconsistente...certo molto superiore a quell'aborto di To Rome with love....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh se li mettiamo a confronto questo film se lo mangia a To Rome With Love hehe ^_^

      Elimina
  2. concordo sul voto: non è un capolavoro, ma si lascia vedere
    molta musica sinfonica (Woody ha difetti, certamente, ma ha un ottimo orecchio musicale) Stravinsky, Ravel, soprattutto Beethoven
    mi ha ricordato COMMEDIA SEXY IN UNA NOTTE DI MEZZA ESTATE: lì c'era molto Mendelssohn, ma soprattutto c'era il pomposo professor Leopold, che sosteneva con eloquenti tirate che l'aldilà non esiste e che "solo ciò che è razionale è reale" (cambierà idea quando, dopo un tumultuoso amplesso, diventerà lui uno Spirito)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Commedia sexy in una notte di mezza estate, lo devo recuperare, grazie per la dritta xD

      Elimina
  3. anche a me è piaciuto.

    l'attrice però è emma stone, non emma roberts ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ooops aggiustato...ma dove avevo la testa eh? Hahaha xD

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.