Passa ai contenuti principali

Nightcrawler - Lo Sciacallo


Seconda recensione di oggi, tornano i film al cinema, era ora, dopo la lunghissima pausa in cui non trovavo i titoli che volevo vedere, infatti avete visto, ho cambiato la casella dei film al cinema, con  quelli disponibili all'uscita dvd, che ovviamente ho messo in panchina, li metto tutti insieme così è facile sceglierli e recensirli.
Andiamo a noi, questo è ancora un film al cinema grazie a Dio.

Non avevo mai visto Jake Gyllenhaal in un ruolo così inquietante, neanche quando ha fatto il bellissimo Donnie Darko mi ha rabbrividito come è successo con questo film.
Già parliamo del film.
Il film racconta di un uomo Lou Bloom che filma gli eventi delittuosi per poi venderli ai telegiornali, fatti di sangue con scene impressionanti per darli in pasto al pubblico, è la sua fortuna, cominciata per caso quando filma un incidente e ha l'illuminazione di venderla in una televisione.
Diventerà un mastino sempre a caccia di qualche incidente notturno, o qualche delitto, addirittura entra in una casa dove si è consumata una carneficina, e filma prima dell'arrivo della polizia.
Guadagnerà talmente tanti soldi che gli serverà dapprima un aiutante, che cercherà in tutti i modi di esprimere un parere e a Bloom non piacerà, poi una volta che si è sbarazzato di lui letteralmente, un autentica squadra di reporter sempre pronti a filmare questi delitti e incidenti.

Dan Gilroy non fa una acuta analisi sulla televisione, criticando ciò che è ormai diventata, ma trascende il tutto raccontando una storia in cui non ci si pone mai il limite di cosa è giusto mostrare al pubblico.
Il pubblico è assonnato, vuole fatti di sangue? E allora fatti di sangue avrà, dritto in faccia attraverso le notizie del telegiornale, come se vendesse un pacchetto di caramelle o un cheesburger.
L'assoluta mancanza di umanità che mostra una chiara sfaccettatura non sul divismo perchè questo è un discorso  a parte, ma sulla anestetizzazione, e soprattutto sull'accettazione di qualsiasi cosa venga mostrata o venduta, come se questa fosse la cosa più normale di questo mondo.
Così ci sono uomini senza scrupoli, che approfittano di questo per poter diventare ricchi, dando perciò alla gente ciò che la gente chiede e vuole.
Quindi da una precisa analisi non si può condannare Lou Bloom per quello che fa, ma è l'umanità a dover essere criticata per quello che chiede e soprattutto per quello che pretende.
Siamo sicuri che quelle scene viste in televisione è lecito farle vedere? Non ci chiediamo cosa può scattare nella mente umana? O nei nostri figli? No, tutto viene impacchettato e mostrato e, soprattutto venduto al pubblico.
Tenete gente, è tutta una questione di soldi e soprattutto di audience, più sangue c'è più gli ascolti salgono, e chi non approfitterebbe di tutto ciò?
Solo un idiota non lo farebbe.
Quindi siamo noi esseri umani, se abbiamo ancora dell'umanità nascosta dentro di noi, a dover usare il telecomando e non dare potere a queste persone di mostrare scene raccapriccianti in televisione, o per lo meno non farlo in orari in cui i bambini sono svegli.
Non è certamente un fatto di censura, ma di buone intenzioni, ma è ovviamente un parere personale, di cui ovviamente la gente se ne sbatte.
Perciò è questo uno dei migliori film dell'anno? Ovviamente si, Jake Gyllenhaal è stratosferico, e solo per la sua presenza il film va visto.
Anche tutti gli altri attori sono bravi, compresa una ritrovata Renèe Russo nel ruolo della direttrice del telegiornale di cui Lou si innamora non ricambiato.
Voto: 8 e 1/2

 

Commenti

  1. concordo,bel film e Gyllenhaal è stratosferico....

    RispondiElimina
  2. Io adoro Jake e ho provato ad andarlo a vedere al cinema ma l'ho perso per colpa di una festa e poi perchè il mio solito cinema ha deciso di tenerlo in programmazione solamente per pochi giorni!
    Per cui il prima possibile lo vedrò, ma non vedo l'ora! Ho visto un estratto e mi ha catturata *_*

    RispondiElimina
  3. jake gyllenhaal stellare e film grandissimo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.