Passa ai contenuti principali

Nightcrawler - Lo Sciacallo


Seconda recensione di oggi, tornano i film al cinema, era ora, dopo la lunghissima pausa in cui non trovavo i titoli che volevo vedere, infatti avete visto, ho cambiato la casella dei film al cinema, con  quelli disponibili all'uscita dvd, che ovviamente ho messo in panchina, li metto tutti insieme così è facile sceglierli e recensirli.
Andiamo a noi, questo è ancora un film al cinema grazie a Dio.

Non avevo mai visto Jake Gyllenhaal in un ruolo così inquietante, neanche quando ha fatto il bellissimo Donnie Darko mi ha rabbrividito come è successo con questo film.
Già parliamo del film.
Il film racconta di un uomo Lou Bloom che filma gli eventi delittuosi per poi venderli ai telegiornali, fatti di sangue con scene impressionanti per darli in pasto al pubblico, è la sua fortuna, cominciata per caso quando filma un incidente e ha l'illuminazione di venderla in una televisione.
Diventerà un mastino sempre a caccia di qualche incidente notturno, o qualche delitto, addirittura entra in una casa dove si è consumata una carneficina, e filma prima dell'arrivo della polizia.
Guadagnerà talmente tanti soldi che gli serverà dapprima un aiutante, che cercherà in tutti i modi di esprimere un parere e a Bloom non piacerà, poi una volta che si è sbarazzato di lui letteralmente, un autentica squadra di reporter sempre pronti a filmare questi delitti e incidenti.

Dan Gilroy non fa una acuta analisi sulla televisione, criticando ciò che è ormai diventata, ma trascende il tutto raccontando una storia in cui non ci si pone mai il limite di cosa è giusto mostrare al pubblico.
Il pubblico è assonnato, vuole fatti di sangue? E allora fatti di sangue avrà, dritto in faccia attraverso le notizie del telegiornale, come se vendesse un pacchetto di caramelle o un cheesburger.
L'assoluta mancanza di umanità che mostra una chiara sfaccettatura non sul divismo perchè questo è un discorso  a parte, ma sulla anestetizzazione, e soprattutto sull'accettazione di qualsiasi cosa venga mostrata o venduta, come se questa fosse la cosa più normale di questo mondo.
Così ci sono uomini senza scrupoli, che approfittano di questo per poter diventare ricchi, dando perciò alla gente ciò che la gente chiede e vuole.
Quindi da una precisa analisi non si può condannare Lou Bloom per quello che fa, ma è l'umanità a dover essere criticata per quello che chiede e soprattutto per quello che pretende.
Siamo sicuri che quelle scene viste in televisione è lecito farle vedere? Non ci chiediamo cosa può scattare nella mente umana? O nei nostri figli? No, tutto viene impacchettato e mostrato e, soprattutto venduto al pubblico.
Tenete gente, è tutta una questione di soldi e soprattutto di audience, più sangue c'è più gli ascolti salgono, e chi non approfitterebbe di tutto ciò?
Solo un idiota non lo farebbe.
Quindi siamo noi esseri umani, se abbiamo ancora dell'umanità nascosta dentro di noi, a dover usare il telecomando e non dare potere a queste persone di mostrare scene raccapriccianti in televisione, o per lo meno non farlo in orari in cui i bambini sono svegli.
Non è certamente un fatto di censura, ma di buone intenzioni, ma è ovviamente un parere personale, di cui ovviamente la gente se ne sbatte.
Perciò è questo uno dei migliori film dell'anno? Ovviamente si, Jake Gyllenhaal è stratosferico, e solo per la sua presenza il film va visto.
Anche tutti gli altri attori sono bravi, compresa una ritrovata Renèe Russo nel ruolo della direttrice del telegiornale di cui Lou si innamora non ricambiato.
Voto: 8 e 1/2

 

Commenti

  1. concordo,bel film e Gyllenhaal è stratosferico....

    RispondiElimina
  2. Io adoro Jake e ho provato ad andarlo a vedere al cinema ma l'ho perso per colpa di una festa e poi perchè il mio solito cinema ha deciso di tenerlo in programmazione solamente per pochi giorni!
    Per cui il prima possibile lo vedrò, ma non vedo l'ora! Ho visto un estratto e mi ha catturata *_*

    RispondiElimina
  3. jake gyllenhaal stellare e film grandissimo!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Masters of Sex - Stagione 1

Si, dovevo recensirla ieri, ma purtroppo non ho avuto tempo, perchè dovevo visionare diversi film che recensirò in questi giorni.
Andiamo al punto: su cosa si basa Masters of Sex?
Nulla di pruriginoso ve lo assicuro io, la serie tv è basata sulle ricerche del dottor William Masters, le cui scoperte nei suoi esperimenti hanno rivoluzionato il mondo della medicina.
La serie è ambientata verso la fine degli anni cinquanta, e le scoperte innovative del dottor Masters, che studia in maniera meticolosa i comportamenti sessuali degli esseri umani mi hanno a dir poco conquistata.
Peccato che è composta solamente da quattro stagioni, comunque per me ha un potenziale pazzesco, che include anche qualcosa di unico e originale nel panorama televisivo recente, e ci vogliono serie tv come queste al giorno d'oggi, e sono anche piuttosto interessanti.
Dobbiamo dire però che la ricerca compiuta dal dottor Masters, è realmente accaduta, e il telefilm si basa sulla biografia di Thomas Maier sullo sc…

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.