Passa ai contenuti principali

Enemy

Seconda recensione oggi, ooooh ecco a voi il nuovo lavoro di Denis Villeneuve, ancora inedito con protagonista Jake Gyllenhaal, nel ruolo di un professore che scopre il suo doppio, ovvero una persona tale e quale a lui anche se non sono fratelli.
Il professore Adam Bell scopre l'esistenza di una persona tale e quale a lui, quando un amico gli consiglia un film per farlo svagare, l'uomo identico a lui si chiama Anthony St Claire e fa l'attore.
Quando Adam comincia a fare ricerche su di lui le cose si complicano, fino a mettere a repentaglio la sua esistenza e quella della sua cosidetta copia.

Film kafkiano e misterioso, in cui due vite si incrociano e si intersecano tra loro, fino a cambiarsi le reciproche identità, non si capisce chi sia l'uno o l'altro.
Un film surreale che nelle mani sbagliate rischiava di diventare un pasticcio di dimensioni colossali, invece Denis Villeneuve sa costruire una trama a incastri perfettamente riuscita, in un opera surreale e complessa che ti incolla letteralmente alla poltrona.
Non c'è proprio nulla di banale in questo film, infatti molte di quelle volte credi di stare assistendo a una cosa talmente complicata che dici, un momento, ma che cavolo stanno combinando?
La cosa è così, la trama è labirintica, come anche la storia, e solo Villeneuve la cui ispirazione deriva chiaramente da David Lynch, anche se è alla lontana, poteva darla alla luce.

Magistrale la prova attoriale di Jake Gyllenhaal in un doppio ruolo, altrettanto bravi i comprimari. Per quanto mi riguarda film decisamente interessante, anche se è ancora il secondo film che ho visto diretto da questo regista interessante.
Devo recuperare in fretta gli altri titoli, così li guardo.
Comunque sia rispetto a Prisoners è un film molto diverso, che vi avviso può anche non piacervi, dipende dalle reazioni che avrete alla visione.
Il finale è sconvolgente oltre che inaspettato.
Nonostante tutto si lascia vedere bene, adatto soprattutto se amate le trame labirintiche, è il film giusto per voi, la storia sembra incastonarsi in un labirinto quasi senza uscita.
Le interpretazioni si sprecano, c'è chi dice che l'alter ego sia la paura del professore di restare vittima di un ruolo per cui non si riconosce e sogna una vita diversa, c'è chi sostiene il contrario, per quanto mi riguarda mi ha letteralmente conquistata questo film, anche se c'è qualche sbavatura, che gli si può certamente perdonare.
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.