Passa ai contenuti principali

Enemy

Seconda recensione oggi, ooooh ecco a voi il nuovo lavoro di Denis Villeneuve, ancora inedito con protagonista Jake Gyllenhaal, nel ruolo di un professore che scopre il suo doppio, ovvero una persona tale e quale a lui anche se non sono fratelli.
Il professore Adam Bell scopre l'esistenza di una persona tale e quale a lui, quando un amico gli consiglia un film per farlo svagare, l'uomo identico a lui si chiama Anthony St Claire e fa l'attore.
Quando Adam comincia a fare ricerche su di lui le cose si complicano, fino a mettere a repentaglio la sua esistenza e quella della sua cosidetta copia.

Film kafkiano e misterioso, in cui due vite si incrociano e si intersecano tra loro, fino a cambiarsi le reciproche identità, non si capisce chi sia l'uno o l'altro.
Un film surreale che nelle mani sbagliate rischiava di diventare un pasticcio di dimensioni colossali, invece Denis Villeneuve sa costruire una trama a incastri perfettamente riuscita, in un opera surreale e complessa che ti incolla letteralmente alla poltrona.
Non c'è proprio nulla di banale in questo film, infatti molte di quelle volte credi di stare assistendo a una cosa talmente complicata che dici, un momento, ma che cavolo stanno combinando?
La cosa è così, la trama è labirintica, come anche la storia, e solo Villeneuve la cui ispirazione deriva chiaramente da David Lynch, anche se è alla lontana, poteva darla alla luce.

Magistrale la prova attoriale di Jake Gyllenhaal in un doppio ruolo, altrettanto bravi i comprimari. Per quanto mi riguarda film decisamente interessante, anche se è ancora il secondo film che ho visto diretto da questo regista interessante.
Devo recuperare in fretta gli altri titoli, così li guardo.
Comunque sia rispetto a Prisoners è un film molto diverso, che vi avviso può anche non piacervi, dipende dalle reazioni che avrete alla visione.
Il finale è sconvolgente oltre che inaspettato.
Nonostante tutto si lascia vedere bene, adatto soprattutto se amate le trame labirintiche, è il film giusto per voi, la storia sembra incastonarsi in un labirinto quasi senza uscita.
Le interpretazioni si sprecano, c'è chi dice che l'alter ego sia la paura del professore di restare vittima di un ruolo per cui non si riconosce e sogna una vita diversa, c'è chi sostiene il contrario, per quanto mi riguarda mi ha letteralmente conquistata questo film, anche se c'è qualche sbavatura, che gli si può certamente perdonare.
Voto: 7


Commenti

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Riguarda & Recensisci - Planet of The Apes

Riguarda & Recensisci

Penultimo appuntamento con lo special di Tim Burton legato alla rubrica Riguarda & Recensisci, che ripesca i film visti in precedenza e non ancora recensiti alla fabbrica, tra due settimane dovrebbe cominciare quello dedicato al grandissimo Stanley Kubrick, forse addirittura spostato di Venerdì o domenica per cineclassics, dato che la rassegna dedicata a Orson Welles è ormai agli sgoccioli.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.