Passa ai contenuti principali

La mia vita è uno zoo

 Ok, non sarà il miglior film di Cameron Crowe, in passato devo ammettere che ha fatto decisamente di meglio, non sarà neanche un film perfetto, ma sinceramente se devo parlare soggettivamente non mi è dispiaciuto.
E chi lo dice che un film per piacere debba per forza essere grande?
Nonostante tutto devo dire che seppur con i suoi difetti mi ha piacevolmente intrattenuta durante la visione, anche se devo ammettere che non lo aggiungerei mai ai miei film preferiti, diciamo che è un bel guilty pleasure, come si chiamano quei film che piacciono soprattutto solo a te e non a tutti.

Fatto sta che Cameron Crowe, che in passato è stato particolarmente originale, anche quando ha affrontato i remake, - vedi Vanilla Sky remake di Apri Gli Occhi - ha saputo esprimere forse meglio di chiunque la sua capacità di raccontare una storia.
Con questo film invece risulta incerto su come prendere la storia, e rimane in una sorta di limbo, incapace di far decollare il tutto; forse perchè il film stesso è tratto da una storia vera?
Possibile che un regista capace come lui, quando deve affrontare qualcosa accaduto realmente si trasforma in un elefante in un negozio di cristalleria.
Cosa salva il film almeno in parte?
Forse lo script, o forse gli attori, che con la loro recitazione sanno essere sinceri nonostante tutto.

Eppure questo film, con tutti i suoi difetti, è stato capace di colpirmi.
Non sarà mai il capolavoro assoluto di Cameron Crowe se volete posso consigliarvi altri titoli sicuramente migliori, come Singles - L'amore è un gioco, già in lista d'attesa per la recensione, e Jerry MacGuire, col divo Tom Cruise, oppure quello che ritengo il suo miglior film in assoluto il biografico Almost Famous - Quasi Famosi.
Quello che mi chiedo io è questo, come mai ha scelto di dirigere un film così lontano dalle sue tematiche non riuscendo laddove altri registi più navigati di lui hanno fatto centro?
Come dice Cooper l'agente di Twin Peaks, è un ottima domanda!!!
In conclusione, film non propriamente riuscito, di livello minore rispetto ai suoi precedenti, che nonostante tutto si fa volere bene, però ammetto che alcuni amici bloggers sono stati più cattivi di me nel recensirlo eh?
Ma si tratta comunque di un mio parere hehehe, comunque sia va bene per staccare la spina, tra una visione impegnata e l'altra.
Voto: 5 e 1/2

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.