Passa ai contenuti principali

All the invisibile Children

E per la vigilia di natale, ancora presente con un film che è dedicato ai bambini invisibili, 7 cortometraggi diretti da Mehdi Carhef, Emir Kusturica, Spike Lee, Katia Lunkparla, Ridley & Jordan Scott, Stefano Veneruso e John Woo.
Sette storie di bambini invisibili raccontate con occhio cinico da registi che vogliono raccontare l'infanzia negata di piccoli bambini che dovrebbero soltanto giocare e studiare, anzichè assistere a una realtà che nega loro di esistere, di essere bambini visibili come gli altri.


Invece sono invisibili, con storie drammatiche, spesso tristi che negano loro l'esistenza normale di cui un qualsiasi bambino ha diritto di vivere.
Perchè?
Ho deciso di recensire proprio oggi questo film appunto per sensibilizzare sulla realtà di bambini che non sono al loro posto dove dovrebbero stare, contenti felici, invece sono tristi, emarginati, violentati, spesso vittime di abusi, un dolore vissuto in silenzio e raccontato con una grandezza da questi grandi registi, alcuni non li conosco, altri invece si e li apprezzo pure.
Ricordare il volto di un bambino infelice è dura, ripenso ai migliori corti che compongono questo film, e che più mi hanno colpita, ovvero quello di Emir Kusturica e quello di Spike Lee che è il più struggente di tutti, li seguono tutti gli altri, con storie più o meno drammatiche, ma che lasciano il segno su quei piccoli faccini che meriterebbero un grande sorriso invece che lacrime.
No, oggi è una giornata che la fabbrica dei sogni dedica ai bambini, oggi e domani, ma oggi è il turno di questo film, domani ci sarà Hook di Spielberg, un modo come un altro per festeggiare il natale in maniera diversa, oggi con la  realtà, domani con i sogni, perchè un bambino ha bisogno di sognare, magari un mondo un po' diverso che lo aiuti a crescere bene e gli faccia ritrovare il sorriso

Tutti noi adulti dovremmo guardare questo film punto.
E dovremmo farlo guardare a tutti i nostri figli, per chi ce li ha, per sensibilizzare il mondo e cambiarlo facendo luce sulla realtà difficile e crudele della vita, che non ammette sogni per un bambino.
Ma se un bambino non può sognare quando è un bambino, come diventerà quando crescerà?
7 piccoli film sull'infanzia negata che tutti dovrebbero vedere, in modo che certe cose non succedano più.
NON DOVREBBE PIU' SUCCEDERE UNA VIOLENZA DEL GENERE PER I BAMBINI.
Perchè i bambini non meritano di essere invisibili, meritano di esistere, di vivere di essere visibili, sono gli adulti che dovrebbero cambiare, non i bambini, spesso dimenticano di esserlo stati anche loro, e forse questa è la tragedia peggiore.
Da non perdere assolutamente.
Voto: 8



Commenti

  1. sottoscrivo ogni parola, l'ho visto 4-5 anni fa, al cinema, in una rassegna su qualcosa che non ricordo, merita di essere visto,

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.