Passa ai contenuti principali

Gone Girl - L'amore Bugiardo

Credevate che per il film al cinema vi lasciavo a bocca asciutta oggi? E invece no, ecco a voi l'ultima fatica di David Fincher, Gone Girl - L'amore Bugiardo.
Il film, tratto dall'omonimo romanzo di Gillian Flyn, che cura anche la sceneggiatura.
Il film è una acuta analisi sulle contraddizioni del matrimonio, o meglio sulle scelte che si fanno e che possono schiacciare chi ci vive accanto, rendendolo un ombra della persona che era.
Sottolinea anche l'ipocrisia della vita matrimoniale, fatta tutta di sorrisi, di assenze, di incomunicabilità, che è la cosa più tragica.

Amy sparisce, senza più lasciare traccia, suo marito Nick diventa l'uomo più odiato d'america, ma cosa c'è dietro questa scomparsa? Un omicidio? Una fuga?
David Fincher si relaziona con lo spettatore senza giudicare mai le scelte che fanno i suoi protagonisti, mettendoli davanti a un interrogativo? Il matrimonio è davvero una gabbia in cui una persona non può uscire?
Oppure scendere a compromessi a volte vuol dire schiacciare se stessi in una vita grigia e priva di spessore rispetto a quella che avevi a New York?
Fino a che punto è lecito schiacciare la personalità della persona che ci vive accanto? E' forse questo il tema portante del film? In poche parole SI!
Qui ci troviamo davanti a una moglie che si è stufata della vita di provincia, grigia e anonima, abituata com'era alla sfavillante New York dove era una scrittrice di libri per bambini, inventando il personaggio di The Amazing Amy, ovvero la mitica amy, e passare da una città dove eri qualcuno a un piccolo paesino dove non sei nessuno può far scattare la molla a chiunque.
Non so se Amy sia una pazza o una psicotica, quello che so è che in lei scatta qualcosa che le fa dire Basta, non ci sto più ad essere scopata senza nemmeno un atto di tenerezza, basta non ci sto più ad essere strafiga, basta non ci sto più ad essere cornificata.
A peggiorare il tutto ci si mettono anche i media, e ne fanno un caso come se la sparizione di una donna fosse lo sbarco in normandia.
L'intrusione dei media è vampirica, sempre a caccia della notizia choc da mandare in onda, e il caso di Amy è pane per i suoi denti; sbatti il mostro in prima pagina, anzi a pieno schermo in questo caso.
Il film tratta di questi temi e di altro ancora.
E' la battaglia tra i sessi al centro di questo film, che inizia come qualsiasi film romantico per poi trasformarsi in un giallo quasi hitchcockiano.
Rosamunde Pike, per la prima volta protagonista riesce a regalare suspance, immedesimandosi totalmente in Amy, riuscendo nell'impresa di creare un riconoscimento con il pubblico.
Ben Affleck come attore è sempre monoespressivo, quindi la sua performance non la tengo molto in considerazione, apparte il personaggio che è il classico marito che una volta sistemato si dimentica della moglie, e fa la sua vita, pensando solo a se stesso.
Quindi come marito non è il classico esempio da seguire, si fa pure l'amante, che durante la sparizione della moglie fa ironicamente un appello in difesa del marito di Amy.
Un altro grande film di David Fincher che fa letteralmente a pezzi l'aura buonista e ipocrita del matrimonio e affonda il bisturi nella facciata borghese dell'america, coaudiuvato dalla sceneggiatura scritta dalla stessa Gillian Flyn, autrice del romanzo di cui è tratto, che cercherò di recuperare per capire qualche passo che non ho centrato bene.
In conclusione, un ottimo film davvero che affonda le radici sulla falsità e l'ipocrisia del matrimonio, dell'idea che ci facciamo della persona che sposiamo, e della dura realtà da affrontare ogni giorno, in cui affiora la realtà della vita, e poi fare i conti, accettare i compromessi mentre chi ti sta accanto se ne frega di te, Gone Girl è tutto questo e molto più.
Voto: 8

 

Commenti

  1. Non così entusiasta, però è piaciuto molto anche a me :)

    RispondiElimina
  2. D'accordo con te soprattutto per la performance di Ben.

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.