Passa ai contenuti principali

L'amore Fatale - Enduring Love

Ecco un thriller affascinante, tratto dal romanzo di Ian McEwan, L'amore Fatale, protagonisti Daniel Craig, Rys Ifans e Samantha Morton, protagonisti di una storia di stalking e ossessione nata per caso durnte il tragico incidente in cui un bambino rimane dentro una mongolfiera che vola via, e un uomo perde la vita precipitando a terra.

Spesso ci si chiede se il destino gioca brutti scherzi, una cosa che non hai minimamente previsto cambia gli eventi così drasticamente da creare una sorta di ossessione fatale tra i personaggi.
E' il caso dei protagonisti Joe e Jad, incontratisi quasi per caso, il secondo crede sia nato un legame speciale col primo, felicemente fidanzato e comincia a seguirlo ossessivamente, fino a mettere in crisi il rapporto con la fidanzata.
Roger Mitchell dirige un thriller inquietante e insolito, in cui nulla è realmente come appare, mette in scena una storia di ossessione in cui lo spettatore si chiede il perchè di questa caccia spietata verso Joe, che è una persona eterosessuale, si capisce che il secondo è un gay un po' psicotico, e lascia che lo spettatore capisce da se il motivo della sua ossessione nei suoi riguardi.

E' un film bellissimo e particolare, decisamente al di sopra della media, con un cast di attori da far paura, Daniel Craig qui prima che indossasse i panni di James Bond fa decisamente la sua porca figura, non a caso questo è il film che ha rivelato il suo talento, Samantha Morton che come attrice dovrebbe avere molto più spazio, anche lei è molto brava, ma il più bravo di tutto è decisamente Rys Ifans, il suo personaggio è da pelle d'oca veramente, non è il classico cattivo, di cui tutti si allontanano, la sua caratteristica sta nel rendere inquietante ogni minima espressione anche la più banale, è impercettibile la sua ossessione, all'inizio non te ne accorgi, ma quando esplose lo spettatore è talmente carico da tenerti letteralmente incollato alla poltrona, e guardate che non scherzo.
Un ottimo film, decisamente inquietante e mai banale, che letteralmente inchioda alla poltrona, e scusate ma di questi tempi certi film sono più unici che rari.
Il mio voto è ottimo.
Voto: 8



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.