Passa ai contenuti principali

Il Figlio

Ironia della sorte, per ultimo la recensione è toccata proprio al primissimo film che ho visto dei fratelli Dardenne, ancora un protagonista bambino, stavolta alle prese con il lavoro in un centro di recupero per ragazzi disadattati, e un uomo che convive con il dolore della perdita del proprio figlio di cui insegna in questo centro la falegnameria.

A scontrarsi in questo film sono proprio due mondi, quello adulto, che vive con un dolore straziante, e quello infantile, che convive anch'esso con una realtà difficile e complessa; ne vogliamo parlare?
Proprio in questo periodo è nata questa speciale rassegna dedicata ai bambini, proprio a natale, festa per eccellenza dell'infanzia, ma anche di tutti, quasi per caso, non appena ho deciso di programmare le recensioni per le feste, forse indicata da qualcosa che mi diceva di recensire questi film non lo so.
Sta di fatto che sono qua, e quindi continuo con questa piccola rassegna a parlare d'infanzia.
Continuiamo a parlare del film, dunque abbiamo Olivier, interpretato da un bravissimo Olivier Gourmet nel ruolo dell'insegnante di falegmaneria, e in quello di Francis, interpretato da Morgan Marinne, il ragazzo che deve essere reinserito nella società per aver fatto 5 anni di riformatorio a causa dell'uccisione di un bambino.
Sin da subito Olivier sospetta che sia proprio Francis il responsabile della morte di suo figlio, e i suoi sospetti trovano una forte conferma nella scena in cui l'uomo lo affronta di petto, ma sarà proprio Francis ad aiutarlo a superare il dolore di questa grande perdita facendosi volere bene.
Terzo film diretto dai fratelli Belgi, duro e difficilissimo, il grado di tensione si taglia con un coltello, e non lascia mai lo spettatore che non sa cosa aspettarsi.
La domanda logica è questa: E' logico aiutare un bambino a reinserirsi nella società, anche se ha ucciso tuo figlio e devi aiutarlo proprio tu?
La risposta non è certo delle più semplici da dare, c'è chi rifiuterebbe, a ragione, e c'è chi riesce a perdonare una disgrazia non accaduta per colpa del ragazzo.
Comunque sia il film è difficilissimo, dubito che un genitore possa guardarlo senza provare ribrezzo al sol pensiero, o compassione.
Comunque sia, è un film che lascia riflettere molto, e i due fratelli Belgi col loro cinema ti mettono in situazioni apparentemente incomprensibili, tanto che tu dici, ma nooo, io non lo farei mai, ma al lungo andare si capisce dove vogliono girare la loro ruota.
Un grandissimo film è capace di fare riflettere, come fanno i fratelli Dardenne con il loro cinema, che è tutt'altro che superficiale.
In conclusione, promosso a pieni voti.
Voto: 9

 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.