Passa ai contenuti principali

Dark Skies - Oscure presenze

No, non è il classico horror, ma è un film di paura...e non credo neanche a quello che dice la copertina, il più spaventoso film sui rapimenti alieni mai girato, però è fatto bene e i salti sulla sedia non si contano.
La su è una paura sottile, quasi silenziosa, ma non è meno minacciosa di tante altre situazioni.
Al centro c'è una famiglia, i Barrett con due figli, uno quasi un teenager e l'antro ancora bambino, sono testimoni di eventi soprannaturali sconosciuti che disturbano la vita sin da quando il più grande era piccolo, ma i poveri genitori come fanno a scoprire di cosa si tratta e perchè gli succedono queste cose? Passerà non poco tempo quando si accorgeranno che la loro casa è stata violata da qualcuno, che ha lasciato bizzari segni della loro presenza in casa, così devono ripristinare l'allarme, ma le cose andranno ancora peggio, la notte dopo l'installazione del sistema d'allarme si accorgono che tutte le porte sono state aperte e che le foto di famiglia sono sparite, i poliziotti credono si tratti di uno scherzo dei ragazzi fino a quando uno stormo di uccelli aggredisce la casa distruggendo i vetri, adesso bisogna scoprire cosa sta succedendo, li aiuta un uomo che si occupa di fatti misteriosi, dalla scomparsa del figlio per via degli extraterrestri, ma ormai è troppo tardi per impedire l'inevitabile...
Scott Stewart non fa un capolavoro, togliamoci dalla testa l'idea che questo sia un capolavoro perchè non lo è, ma ha l'intelligenza di fare un piccolo film capace di tenerti piantato sulla poltrona, il che non è da tutti i giorni specialmente in questo periodo, e riesce nell'intento di portarti a vivere la storia, il che lo rende un film da segnare e da vedere sicuramente, se volete potete anche inserirlo accanto ai vostri preferiti che ovviamente non sfigura, ci sarà qualcuno che storcerà il naso, dirà non è un film horror ma sui rapimenti alieni, e con ciò? Godetevelo, è una paura ignota, perchè esso da sempre timore agli umani, ciò che è oscuro, ciò che è sconosciuto quando è minaccioso, diventa sinonimo di tensione, di paura che aldilà di fantasmi, vampiri o zombie, è una paura palpabile e presente per tutto il film, credete che sia poco? Per me non lo è affatto, e credo che per certi film sia logico andare oltre le apparenze e guardarli senza il timore di qualche scomunica.
Volete guardarlo da soli? Potete farlo, sempre che il vostro grado di impaurimento non è di quelli che vi danno la tremarella alle gambe, allora guardatelo in compagnia, ma guardatelo.
Sapete benissimo che non spoilero, quindi non vi dirò nulla in proposito più di quanto vi ho detto già, in conclusione da non perdere.
Voto: 7 e 1/2


Commenti

  1. anche a me è piaciucchiato, niente di che ma un'ora e mezza passata bene...

    RispondiElimina
  2. film teso e caruccio, anche se niente di troppo originale...

    RispondiElimina
  3. Maledizione, devo ancora vederlo. Ne sto sentendo parlare discretamente e io non mi aspetto assolutamente nulla, quindi chissà...

    RispondiElimina
  4. Carino, un bel film sugli alieni come non accadeva da tempo

    RispondiElimina
  5. simaptico, nulla di memorabile ma si guarda piuttosto bene

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.