Passa ai contenuti principali

Meet The Feebles

Secondo film di Peter Jackson, bizzarro, parodistico eccessivo.
Si può definire la parodia dei Muppet, dove la protagonista è una ippopotamessa, che ha un crollo psicologico quando scopre che il tricheco di cui è innamorata, la tradisce con una micetta, intorno a loro i protagonisti dello show Meet The Feebles Variety Hours, vivono i loro drammi.
Ma io lo sapevo che questo film era superfico,  e lo sapete perchè? Perchè prima di tutto ci sono tanti pupazzi ad altezza d'uomo uno più bizzarro dell'altro, poi tutto è portato all'eccesso, con situazioni tragicomiche mai banali o stupide, anzi il contrario, ti fa divertire.
Ecco un altro piccolo film in cui Peter Jackson ci ricorda quanto è importante la creatività per fare un film, e non c'è bisogno di spendere enormi capitali, ma soltanto avere inventiva.

Ancora cult, ancora cattivo, ecco a voi la versione trash dei Muppet che vuole farvi disgustare e soprattutto sganasciare dalle risate, assolutamente per un pubblico adulto, i bambini potrebbero spaventarsi alla vista di questi enormi pupazzi, ma assolutamente irresistibile.
L'unica cosa che vi consiglio prima di guardare questo film è di non avere nessun pregiudizio, anzi se ve lo godete esattamente come ve lo richiede vi divertirete molto di più.
Peter Jackson è reduce dal suo esordio, ma qui fa intuire quali sono le sue intuizioni, e si lascia andare in maniera più audace, del precedente, così fa un film fatto apposta per fare divertire il pubblico.
Cultissimo, da incorniciare l'inizio del film, dove i pupazzi si esibiscono cantando Meet the Feebles, con cori che sembrano presi da uno show per bambini, poi c'è la sorpresa...con la star in crisi perchè il suo tricheco la tradisce...ma già l'ho raccontato prima.
Voto: 8


Commenti

  1. Che meraviglia questo film completamente folle, sembrano i Muppet sotto acido :-) Cheers!

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.