Passa ai contenuti principali

Una sull'altra

Scusate l'assenza...ma ho avuto il pc guasto e ora sono qui, si torna regolarmente a recensire film, oggi tocca a uno dei primi gialli, anzi, il  primo giallo diretto da Lucio Fulci, dalle atmosfere hitchcockiane.
Infatti il film sembra riprendere il capolavoro di Alfred Hitchcock La Donna che visse due volte a cui si è ispirato in maniera più che esplicita.
Certo non ha la stessa forza emotiva, ma pur non essendo un capolavoro, già si nota una certa demarcazione verso il cinema di suspance, che lo renderà famoso.
Rispetto ad altri suoi film dello stesso genere è un film minore, ma che già anticipa ciò che in futuro diventerà il suo marchio di fabbrica, ovvero la capacità di costruire una storia ricchissima di colpi di scena, che rimane impressa.

In questo film inoltre ci sono parecchie scene che ricalcano il filone del cinema sexy all'italiana, scene di nudo che all'epoca fecero scalpore, ma andiamo a noi, una donna muore e il principale sospettato è il marito, un giorno conosce una bionda identica alla moglie, ma quando lui viene incriminato dell'omicidio si scopre una terribile verità.
Il plot non è male e questo film ti fa passare i suoi 99 minuti sulla poltrona, Fulci riesce, e cosa rara a quei tempi, con la sua regia curata a rendere il film incredibilmente interessante, grazie a un plot narrativo ben sviluppato.
Per essere un giallo non è affatto male, anche se i veri capolavori usciranno negli anni settanta.
Se siete fans di Fulci non potete perdervelo, soprattutto  per quei tempi, e aveva un ottimo cast, il protagonista era Jean Sorel, poi c'era anche Elsa Martinelli e la protagonista è Marisa Mell.
Da lì in poi il cinema di Fulci comincerà una stagione d'oro che verrà riscoperta  e rivalutata con gli anni, nonostante le critiche feroci all'epoca, facendo di Lucio Fulci uno dei registi di culto.
Innanzitutto pur ispirandosi a La donna che visse due volte, intelligentemente se ne allontana, facendo una storia a se stante che riesce a camminare con le sue gambe, il che fa presumere che la strada intrapresa dal regista romano sia in ascesa per diventare uno dei grandi del cinema di genere.
Ripeto, non un capolavoro ma un opera da collezionare assolutamente.
Voto: 6 e 1/2







Commenti

Post popolari in questo blog

Robocop

Prima di quest'anno non avevo mai visto Robocop il primo per intero, e ne hanno fatto un remake che ancora non ho visto, spero di recuperarlo, anche se in giro dagli amici bloggers ho letto che era decisamente da perdere.
Comunquesia una sbirciatina gliela do...ma lasciamo perdere il remake e concentriamoci sul film in questione.

Un Anno Vissuto Pericolosamente

Anche questa settimana torna il cinema di Peter Weir, oggi abbiamo uno dei suoi migliori film Un anno Vissuto Pericolosamente, che diede l'oscar come migliore attrice non protagonista all'attrice per altro esordiente Linda Hunt, in un ruolo maschile.

Cineclassics - Falstaff

Torna il cinema di Orson Welles, dopo la caldissima estate di quest'anno, ho messo da parte parecchie cose che stavo facendo, e il percorso cinematografico personale si è arrestato, ma continua ovviamente quando si rinfresca il tempo - dalle mie parti il sole picchia in testa come un assassino, come cantava in siciliano il grande Lucio Dalla - ma andiamo a noi.

Ciclo Horror Stories - Nerve

Uscito sull'onda del caso bufala Blue Whale, in cui si dice che porta al suicidio i ragazzini, sinceramente all'inizio ci ho creduto anche io, ma poi parlando con Miki Moz, grande amico, si è giunti alla conclusione che era una bufala, o come dice anche Frank, di combinazione casuale una Creepypasta.
Il sospetto che questo film abbia creato un caso fantomatico di gioco killer è grande, anche perchè diciamocelo, il caso è scoppiato pochi giorni dell'uscita di suddetta pellicola.
Non è certamente male, la trama e il coinvolgimento ci sono, però manca qualcosa che lo faccia diventare un buon film: è troppo costruito.
I film troppo costruiti affossano il grande potenziale per trasformarsi in filmetti da popcorn, il che per un opera cinematografica è un grave difetto
La regia a 4 mani peggiora ulteriormente le cose, non esiste un punto di vista autentico che faccia da contraltare alle azioni dei personaggi, questo i registi non lo fanno, limitandosi solo a seguire il copione e…

Speciale Exploitation - Le macchine che distrussero Parigi

Speciale Exploitation Eccezionalmente anche questo sabato, continua la rassegna dedicata a Peter Weir, dato che ha cominciato proprio con l'Ozploitation, questo è senza dubbio il suo film d'esordio cinematografico.
Un film incredibilmente sorprendente sia per le tematiche trattate, sia per la messa in scena che colpisce restando nella memoria.
Non mi stupisco che le qualità registiche di questo regista, che finalmente sto approfondendo adesso, siano presenti persino nel suo film d'esordio.