Passa ai contenuti principali

Prisoners

Ed eccocci qui, e recensiamo anche il primo film americano di Denis Villneuve, che racconta una storia di tensione e d'angoscia, di due bambine che durante la festività del ringraziamento, mentre giocano spariscono misteriosamente senza lasciare traccia, a farne le spese è un minorato mentale che viene rapito dal padre di una delle bambine e lo tortura per scoprire la verità, ma il poliziotto segue la pista più razionale e anche la più esatta, mentre il padre si lascia andare alla rabbia.
Un grande film, devo dire fatto benissimo, a differenza di tanti autori che si americanizzano Villneuve fa un film polemico sull'america e soprattutto su come gli americani sono diventati.
Hugh Jackman nel ruolo di Keller Dover finalmente dimostra il suo talento in un film capace di spiazzare ed indignare, con una trama complessa e ben articolata, tutto è giocato sulla suspance e sulla tensione emotiva.
Le due bambine rapite diventano il simbolo di una società in preda alla tensione e alla paura, di chi si ha paura? Degli estranei, dei minorati mentali, di chi è diverso da noi, e allora lo si condanna ancora prima di riflettere su cosa è realmente accaduto e chi è stato effettivamente a rapire le bambine.
Ma questo film parla anche di prigioni, ovvero le sbarre che ognuno di noi si costruisce, i gusci dentro i quali custodiamo le nostre vite, e appena qualcuno invade quel guscio ecco che comincia l'ansia, l'agitazione, e tutte le nostre paure esplodono fino a conseguenze disastrose.
Un film attuale, e anche politico se vogliamo, Denis Villneuve non si adatta certo a hollywood, anche se non tocca mai il pugno nello stomaco riesce a dosare gli ingredienti in maniera eccezzionalmente sincera, e lascia che sia il pubblico a vivere il film, il che è molto raro di questi tempi.
Perchè questo film fa in modo che il pubblico si identifichi nei protagonisti, se Keller Dover rapisce colui che sospetta abbia rapito la sua bambina, in un modo o nell'altro lo si riesce a comprendere, nonostante le sue gesta siano discutibili, ma mettiamoci nei suoi panni...voi cosa fareste?
Il film ha anche un finale apertissimo, in cui non tutto è come appare, ma la vita non sarà mai più la stessa, ed è proprio questo che fa riflettere, un finale diverso o anche un happy ending, non avrebbe avuto lo stesso effetto del finale effettivamente scelto da colui che ha curato lo script Aaron Guzikowski.
Denis Villeneuve dirige un film attuale e spiazzante, a tratti graffiante su un fatto apparentemente accaduto senza motivo, capace di modificare per sempre le vite dei protagonisti.
Voto: 8




Commenti

  1. Denis Villeneuve sforna solo film che siano almeno capolavori:)

    aspetto "Enemy", esce a marzo, credo, tratto da "L'uomo duplicato", di Saramago, il libro è eccezionale. il film non sarà da meno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un altro film di Villneuve a Marzo? Wow lo terrò presente allora :)

      Elimina
  2. grandissimo film!
    villeneuve ormai sfreccia sempre più veloce sulla pista del cinema mondiale :)

    RispondiElimina
  3. Ottima rece, vedo che sia io che te abbiamo avuto le stesse sensazioni guardando questo gran bel film.

    Doppia lode alla performance di Jackman

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.