Passa ai contenuti principali

Il Fantasma dell'Opera

Ed ecco a voi la versione cinematografica del musical The Phantom of the Opera di Andrew Lloyd Webber a sua volta ispirata all'immortale romanzo di Gaston Leroux, devo comunque dire che forse la versione italiana, con le canzoni addirittura doppiate, mette un po' ombra al film originale, e c'è anche una pesantezza che poteva essere evitata...se mettevano i sottotitoli magari il film si godeva ancora meglio.
Joel Schoomacher non è certo un regista da Musical, e lo si nota per una certa approssimazione nella storia, anni fa vidi una versione televisiva con Burt Lancaster, e nel ruolo del fantasma c'era Charles Dance che mi colpì moltissimo e mi piacque molto più di questo film.
Peccato perchè ha come protagonista un figaccione come Gerard Butler, anche se come fantasma è sexy non è credibile, ma va da se nel film fa la sua porca figura, il film non è giocato sull'oscurità, come forse il musical è incentrato d'altronde il romanzo originale punta tutto su questo, sulla paura, e sul mistero e timore per questo fantasma.
Il grande limite di Shoomacher è quello di puntare tutto sul sex appeal, e non far riflettere lo spettatore, sulla paura, sull'intolleranza e via dicendo...facendo in questo modo limita il fattore emotivo del pubblico, grosso sbaglio, grossissimo.

Puntare sugli ormoni invece che sulle emozioni, ohibò non sono una moralista, chi mi conosce bene sa che sono di vedute aperte, anzi apertissime, ma per certi film avvolte bisogna puntare anche sui sentimenti, il film è godibile a vedersi, le musiche sono trascinanti e coinvolgenti, gli attori attraenti, ma c'è troppa perfezione nella carta che oscura ciò che rende un film degno di essere collezionato, la regia troppo patinata, e lo stile perfettino, peccato, perchè il musical di Webber è sicuramente un capolavoro, ma questo film decisamente non lo è.
Fermo restando che a me piace il musical, è uno di quei generi che seguo con passione e curiosità sin da quando ero piccolissima e a dimostrarlo c'è un capolavoro come Grease che è stato il primo musical che ho visto, che è stato il musical + famoso e fortunato della storia del cinema, qui non siamo a quei livelli purtroppo.
Joel Shoomacher dovrebbe fare film che sono più vicini a lui, il musical dovrebbe lasciarlo a registi molto più esperti di lui, forse sarebbe stata una mossa più intelligente.
In conclusione, un film piacevola ma niente di più.
Voto: 6



Commenti

  1. io, che pure amo i musical, mi annoiai a morte :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si troppo glamour per un soggetto simile :)

      Elimina
  2. Inutile, non amo i musical e questo mi ha massacrato :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vabè questo condivido che non è granchè, ma ci sono musical che veramente sono dei capolavori, cmq de gustibus :)

      Elimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Asia Fermati finchè sei ancora in tempo

Ciao Asia,
Chi ti scrive è solo una poveraccia che fino a poco tempo fa credeva alla tua storia.
Se ti sto scrivendo è per dirti che alla tua storia su Weinstein non ci credo più, e quello che sto scrivendo è pura libertà d'espressione me la vuoi negare? Mi vuoi fare causa? Perché perché ormai la penso diversamente da te?
Gli abusi si denunciano subito, non si aspettano tanti anni e si sta in silenzio perché si ha paura, ma paura di che? Io al posto tuo non sarei ritornata da Weinstein, se avrei subito le molestie che dici di aver subito, peggio ancora se fossi stata violentata...ma stiamo scherzando forse?
Adesso hai azionato una reazione a catena che sta mandando a puttane la vita e la carriera non solo di Weinstein - per inciso, alle storie sulla Paltrow, la Jolie ci credo benissimo perché loro non ci hanno lavorato più come credo a Rose McGowan. - che credo sia un porco che merita di finire in galera, ma anche registi come Tornatore, accusato addirittura da un ex ragazza di …

Cineclassics - Da Qui All'Eternità

CineClassics

Dramma di ambientazione militare che è entrato nella storia del cinema per la celebre scena del bacio sulla spiaggia di Burt Lancaster e Deborah Kerr.
Una storia che colpisce, e che difficilmente dimenticherete, soprattutto per la capacità di rendere l'intensità delle scene memorabili.

Celebration Days - Sam Shepard Tribute - Non Bussare alla Mia Porta

E per finire per ora, celebro il ricordo di un attore, che non si è limitato solo a recitare, spesso ha scritto e prodotto i film in cui recitava: Sam Shepard.
Per tutti, nell'ambiente di hollywood, era una specie di nuovo Harry Miller, e così ho voluto rendergli omaggio recensendo uno dei film diretti da Wim Wenders, che per altro è uno dei miei registi preferiti.

Arma Letale 2

Arma letale 2
In questa nuova puntata i nostri agenti di polizia devono proteggere un importante testimone da un supercattivo, che è a capo di un organizzazione di trafficanti di droga che darà filo da torcere ai due amici poliziotti.

Big Little Lies

Ed eccola, non è una serie tv, ma una miniserie, ideata da David E Kelley e diretta da Jean Marc Vallè, incentrata sull'amicizia di tre donne, Celeste, Jane e Madeleine, che vivono la loro vita, a Monterey, una cittadina dell'america.
Celeste deve fare i conti con un marito violento a cui inspiegabilmente perdona sempre tutto, Madeleine soffre perchè la figlia vive con l'ex marito e la sua nuova compagna, e Jane deve fare i conti con un trauma subito e la crescita di suo figlio, accusato da un altra loro conoscente di bullizzare sua figlia.
La prima miniserie che vedo, a parte altre di canale 5 che ho visto soprattutto quando ero molto piccola, alcune le ho dimenticate, altre come Disperatamente Giulia me le ricordo con affetto ancora oggi.
Big Little Lies invece è diversa, intanto ci sono due grossi calibri che rispondono ai nomi di Laura Dern - e per chi è Lynchano come me non può sottovalutare la bravura di questa eccezionale attrice - e la sempre apprezzatissima da me N…