Passa ai contenuti principali

A Mia Sorella

Questo film è disturbante,  ma questo non vuol dire che non sia un ottimo film.
E' disturbante perchè è costruito come un vero pugno nello stomaco, e finisce da pugno nello stomaco, ammetto che è il primo film che vedo di Catherine Breillat, e decisamente credo che sia una regista interessante.
Al centro la sessualità femminile, due sorelle Elena la più grande, filiforme e inseguita dai ragazzi, Anais la più piccola decisamente sovrappeso, e la sorella non fa che puntualizzare questo dato che i genitori non la lasciano uscire se non è accompagnata dalla sorella.
Elena viene corteggiata da Fernando, un ragazzo italiano che studia all'università, e che grazie ad un anello fa l'amore con lui, la sera dopo, quella prima con sua sorella presente nella stanza fanno solo sesso anale perchè la ragazza non vuole perdere la verginità.
Dicevo, dopo che la ragazza ottiene l'anello in regalo Elena va fino in fondo, fino a quando la madre del ragazzo non lo reclama.
Le vacanze finiscono un po' prima del previsto, anche per questo motivo ma un maniaco le aggredisce mentre sono in viaggio per tornare a casa.
Quello che più sconvolge di questo film è il punto di vista della regista, per lei la perdita della verginità equivale a uno stupro, anche se ho apprezzato il suo film credo che sia tutto tratteggiato nella storia che ha voluto raccontare sullo schermo.
Si è vero che gli uomini per farsela dare farebbero qualsiasi cosa, è anche vero che avvolte sono gli eventi del caso a farti perdere quella cosa con cui sei nata, come nel caso di Anais, lei la perde per l'aggressione con il maniaco, non perchè è stata corteggiata.
E' soprattutto un film di denuncia, sul mondo maschile che vuole prendere senza essere capace di donare sentimenti, per loro è tutto concentrato sul sesso, che è un po' la realtà dei fatti.
Questo film in sostanza è la storia di una crescita, la regista sembra voler raccontare che per una donna, la perdita della verginità anche se è per scelta, diventa un po' come la perdita dell'innocenza, e di una forte crescita, ed è uno stupro per questo motivo, sia per scelta, sia per una violenza subita, non a caso Anais dopo lo stupro subito, sembra quasi essersi liberata dell'ingombrante verginità, anche se al suo aggressore gli chiede di non farle male.

Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.