Passa ai contenuti principali

Philadelphia

Negli anni novanta i tempi erano cambiati, una star come Freddie Mercury morta di Aids ha fatto capire che il problema non poteva più essere nascosto, e così hollywood non ci ha pensato un attimo e con la regia di Jonathan Demme fresco di successo del suo capolavoro Il silenzio degli innocenti, ha fatto un film con protagonista un omosessuale per via delle accuse di omofobia che gli venero fatte dopo l'uscita del film precedente, mettendo a tacere le voci accusatrici.
Eh si, i tempi allora erano cambiati, Tom Hanks nel ruolo della vita che gli ha regalato il suo primo oscar e ha aumentato la sua fama, insomma è la consacrazione.
Un ruolo difficile e sofferto che Tom Hanks interpreta in modo magistrale, regalando al pubblico una delle migliori performance degli anni novanta.
La storia è quella di un avvocato omosessuale che viene licenziato dallo studio perchè i capi hanno scoperto il suo orientamento sessuale e in più ha l'aids; la ragione che hanno portato come causa del licenziamento è l'incompetenza, ma è una scusa.


Andrew Beckett porterà in tribunale i suoi principali, difeso da un avvocato eterosessuale all'inizio pieno di pregiudizi ma che a poco a poco questi svaniranno come neve al sole non appena toccherà con mano la realtà dell'omosessuale che sceglierà di difendere.
Andrew Beckett è un grande avvocato, che a causa della sua malattia e del suo orientamento sessuale è stato licenziato, ma siccome non potevano esplicitamente licenziarlo per questo motivo, hanno preso una scusa dell'incompetenza - chissà perchè dato la precisione dell'avvocato - così Andrew, supportato dalla sua famiglia di origine, e dal suo compagno, va in tribunale per far si che rispettino i suoi diritti, anche se dovrà girare ben 9 avvocati per convincerne uno solo, come lo convince? C'è una scena splendida del film in cui Andrew è in biblioteca, e un uomo, colui che lavora nella biblioteca lo invita ad andare in un altra stanza, e non se ne va finchè lui non dice di si, è evidente perchè glielo dice, perchè ha paura della sua presenza, ma Joe Miller che inizialmente ha rifiutato la causa ed è un nero e capisce cosa vuol dire l'intolleranza, gli chiede a quale avvocato si è rivolto, Andrew dice che si difenderà da solo, ma ben presto Miller si prenderà il caso nelle mani.

Primo film mainstream che parla apertamente di Aids con un avvocato omosessuale accettato dalla famiglia e sostenuto nel momento in cui deve fare causa a chi gli ha tolto ingiustamente il lavoro, facendo sparire di proposito un documento per poi portarlo alla luce dopo qualche ora...
Un film che parla di tolleranza e giustizia con un grandissimo Tom Hanks, attore che ultimamente non fa bei ruoli, ma che quando uscì questo film  mi colpì tanto che lo presi in considerazione per aggiungerlo ai miei preferiti e da allora devo dire l'ho sempre seguito.
Ma andiamo al film, uno dei migliori di Demme supportato da un cast di attori superlativo, che vanno da Joanne Woodward ad  Antonio Banderas, nel ruolo del compagno di Andrew.
Demme dopo il capolavoro con Anthony Hopkins doppia parlando di Aids a tutto il mondo, e Tom Hanks vince il suo primo oscar, che doppierà l'anno seguente con Forrest Gump altra bella pellicola di Robert Zemeckis, ma è il suo ruolo di Andrew Beckett che io preferisco, dove è entrato veramente nell'olimpo dei migliori attori della storia del cinema, un grandissimo ruolo per un grandissimo film, e scusate se l'ho ripetuto, termino con la scena più bella del film, quella con la canzone io sono l'amore di Maria Callas.
Voto: 8




Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.