Passa ai contenuti principali

Il potere dei soldi

Ok, lo so; quando ci sono i soldi di mezzo ci credete subito eh? Aspetta, si so da dove è presa questa frase, da un film con Nicole Kidman, che in questo film centra eccome, il film con la Kidman centra un po' meno però.
Al centro di tutto c'è un giovane che per una bravata rischia di perdere il posto di lavoro, allora il suo capo lo mette un bivio: per salvare il suo posto di lavoro dovrà fare da spia alla concorrenza, ma ben presto si trova immischiato in un gioco più grande di lui, quello che i grandi capi non sanno è che il giovane ha un asso nella manica.

Robert Lucketic stavolta punta grosso, mettendo da parte le commedie con cui è diventato famoso, adesso gira un film più impegnativo, e con un cast d'alta classe; basti pensare ai due mostri sacri Il sempre bravissimo Gary Oldman che io apprezzo molto; e il mitico Harrison Ford.
Come è stato il cambio di genere per Lucketic? Piuttosto controverso direi, avendo un cast e un plot Bigger Than life si poteva almeno fare qualcosa di più originale. Certo Robert Lucketic non ha certo il guizzo e l'inventiva di tanti  registi che di questo genere hanno diretto opere innovative e uniche.
Lucketic invece sembra andarci troppo piano, per paura di dover sconfortare il pubblico, il genere Noir/Thriller ha bisogno di registi più sicuri di se, che non temono nè il loro talento, nè di impaurire il pubblico, e sarebbe stato anche un guizzo che avrebbe fatto decollare questo film, che ha delle potenzialità pazzesche.
Un po' di coraggio in più e questo film sarebbe stato ottimo, invece Lucketic dimostra di essere un principiante che non vuole scoraggiare nessuno, e lui non è affatto un principiante, ma dico io perchè scegliere di girare questo film se poi non ti butti esprimendoti a dovere? Il film se lo meritava.
Il cast di attori ha praticamente tutto il film sulle spalle, la regia fa il suo bel compitino ma non è affatto ispirata e soprattutto ha paura del plot...peccato.
Voto: 5


Commenti

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.