Passa ai contenuti principali

Californication stagione 1

Lo ammetto, Hank Moody è il mio eroe, però diciamolo, all'inizio è stato uno choc vedere colui che ha interpretato uno dei personaggi televisivi più controversi della storia del piccolo schermo trasformato in uno scrittore in crisi creativa, ancora innamorato della sua ex compagna, che scopa continuamente, persino con la figlia sedicenne del nuovo compagno della sua ex compagna.
Con questi presupposti all'inizio pur apprezzando il modus operandi di questa goliardica serie tv, non è stato certo un bel vedere, ma puntata dopo puntata piano piano ha lasciato il segno nel mio cuore.
Cosa penso di questo telefilm? Strafico, Gasato, ultracool, il sesso finalmente è narrato in maniera comica e bizzarra e come protagonista di un telefilm abbiamo uno simile a tutti noi, insomma Hank Moody è un po' tutti noi, il che è un punto a suo favore e al nostro.
Obiettivo di Hank: riconquistare l'ex compagna ed essere un buon padre per sua figlia, sfogando col sesso compulsivo le sue frustrazioni, insomma è un personaggio sui generis e David Duchovny è bravissimo a interpretarlo, cosa strana per questo attore divenuto negli anni 90, un mito per gli appassionati di fantascienza con X-Files, telefilm divenuto cult in quegli anni, che ha fatto letteralmente la storia del piccolo schermo, meriterebbe maggior considerazione perchè è davvero bravo, ci vorrebbe un Tarantino a riportarlo al grande schermo.
Lo avete capito che questa serie è ormai una delle mie preferite no?
Non c'è bisogno di leggere tra le righe, lo dico esplicitamente, finalmente una serie con protagonisti non super uomini, o persone straricche e perfettine, ma esseri umani, con i loro pregi e difetti, divertente e ironica come non si vedevano da tempo...insomma è imperdibile, consigliatissima per chi come me, vuole divertirsi con un prodotto più vicino ai comuni mortali di tanti altri telefilm, finiti ormai nel dimenticatoio.
Riuscirà Hank nei suoi propositi? E il suo agente nonchè amico che prima si fa la segretaria e la usa come oggetto sessuale, e poi ci aggiunge la moglie per poi capire che tra le due scorre ben più che semplice amicizia lo mette in crisi, e a chi rivolgersi se non a Hank Moody?
L'inizio della stagione si apre con You can always
get what you want dei Rolling Stone dentro una chiesa e si chiude dentro un auto con Karen vestita da sposa con Hank e Becca....aaaaaaaaaah stop, stop, stop, non voglio spoilerare più di tanto, dico soltanto correte a vederla.
Voto: 9



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.