Passa ai contenuti principali

Il postino suona sempre due volte

Ed ecco la versione più esplicita del capolavoro letterario di James M Caine tradotta sullo schermo, con due grandissimi attori, la straordinaria quanto sottovalutata Jessica Lange e Jack Nicholson protagonisti di una storia d'amore complessa incentrata da un altissima attrazione fisica.
Il postino non è il classico Noir in cui la moglie uccide il marito in complicità dell'amante per incassare il malloppo, no, la storia è molto complessa e articolata, ammetto che non ho ancora visto le versioni precedenti e perciò non farò confronti apparte la versione di Visconti Ossessione che ho visto.
Rispetto al film di Visconti, Bob Rafelson ha fatto un opera senza fronzoli, nuda e cruda, che non lascia nulla all'immaginazione ma è senza dubbio la più realistica, merito di una regia schietta e sincera e di una sceneggiatura particolarmente accattivante.
Jack Nicholson e Jessica Lange dimostrano di conoscere bene i loro personaggi, che non possono essere giudicati in modo stereotipato perchè non hanno stereotipi, sono due persone che si lasciano travolgere dalla passione ed è questo il motivo principale per cui prendono la decisione di far fuori il marito di lei.
Ma i giochi non vanno sempre come hanno voluto loro, o per lo meno come hanno previsto loro, sarà il fato a decidere il loro destino.
Un film tutto da vedere l'unico che in un certo senso è entrato nell'olimpo dei film più erotici della storia, e l'erotismo almeno per l'epoca era piuttosto spinto, non c'era più la censura da codice Hayes degli anni 40, la scena memorabile è quando Frank aggredisce Cora mentre lei sta preparando il pane, una scena lunghissima che colpisce per il suo realismo.
E' inutile dire che questa versione mi è piaciuta vero? Consigliatissimo soprattutto per conoscere un attrice che meriterebbe più attenzione come Jessica Lange, che per chi ha bazzicato da queste parti è la protagonista della serie cult American Horror Story che è stata  visionata in  questa stagione cinetelevisiva, per quanto riguarda la prima parte di stagione.
Cult assoluto Voto: 7 e 1/2



Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti i Soldi del Mondo

Sinceramente,
La volete sapere una cosa? L'unico motivo per cui ho dato una chance a questo film, sono le indagini di Scotland Yard su Kevin Spacey.
Perché avevo deciso di chiudere con Ridley Scott e il suo cinema, non guardare Tutti i soldi del mondo, e scrivere un bel VAFFANCULO gigante perché secondo il mio parere, l'esclusione di Kevin Spacey, è stata ingiusta, in quanto fino a gennaio ho letto che le accuse dei suoi accusatori le hanno fatte o sui social network, o sui media.
Fermo restando che, le indagini della polizia non escludono il fatto che Spacey potrebbe e sottolineo potrebbe essere innocente dalle accuse di molestie sessuali, ma potrebbe rivelarsi anche colpevole, e allora?
Allora io penso che se un regista come Polanski, che nonostante si sia scopato una tredicenne lavora ancora, perché non dovrebbe farlo Spacey?
Bene concentriamoci sul film.
Tutti i Soldi Del Mondo, nonostante gli sforzi che ha fatto Ridley Scott, per salvare il film dallo scandalo, si rivela …

Netflix Week - Bright

Fino a qualche anno fa, ho sempre sostenuto che Will Smith fosse un bravo attore, mi stava simpatico e aumentava il mio buonumore, e per chi negli anni novanta ha visto anche i due Man in Black sa certamente di cosa sto parlando.
Col tempo invece l'ho perso di vista, avendo fatto percorsi diversi non credo di averlo seguito maggiormente negli ultimi anni, l'ultima volta che ho visto un suo film è stato in occasione della penultima pellicola di Shiamalan, da me criticatissima, e ho messo un po' da parte questo attore.

Le Avventure del Barone di Munchausen

E' il film più pazzo di Terry Gilliam, l'unico che ancora non avevo visto...
Risultato? Un viaggio nell'avventura e nella fantasia più incredibili, ma, è dico ma, è un film imperfetto, usato come esempio di come può andare storto, quando subentra la produzione nel maneggiamento di un opera cinematografica, se il regista non riesce a concludere un film.
Resta comunque l'opera imperfetta di un genio, che senza dubbio vale la pena di guardare.