Passa ai contenuti principali

Rosso come il Cielo

Ci sono certi film che vale la pena guardare, ma non solo guardare ma anche avere, titoli piccolissimi che per alcuni non sono da tenere in considerazione, anzi per la maggioranza, ecco che si rivelano dei grandi, grandissimi film.
E' il caso di Rosso come il cielo, diretto da Cristiano Bortone che racconta la storia vera del più grande montatore del suono italiano, che sin da piccolino è stato costretto a studiare in una scuola per cechi, e da una idea all'inizio banale ha iniziato ad usare i suoni e da questi suoni ha cominciato a vivere come una persona normale, lui vede attraverso i suoni ed è proprio questa sua abiltià a trasformare l'istituto da chiuso nellle sue abitudini dovrà rendersi conto di considerare anche altre vie per considerare i bambini, e così i ragazzi dell'istituto avranno una motivazione in più per dimostrare che anche se sono ciechi possono fare ciò che il loro cuore desidera.

Cristiano Bortone traduce per lo schermo una storia vera capace di fare riflettere sulla arretratezza dell'italia negli anni settanta, quando chi aveva una patologia come la cecità o altre cose, veniva messo in scuole specializzate, per persone cieche, invece di mandarli a scuola con tutti gli altri.
Con la figura di Mirco Menacci si racconta un film bellissimo e coinvolgente, tanto da fare riconoscere il pubblico nei bambini, è lui in quella scuola scopre la musica e il suo talento per i suoni, ed è lui stesso che con gli altri bambini dovrà lottare affinchè questo suo sogno diventi realtà.
Come ho detto ad inizio recensione certi film sono piccoli film ma allo stesso tempo sono anche grandi, ed è curioso che è proprio l'italia a fare uscire questa meraviglia, a fine recensione metto un filmato che racchiude in se tutta la forza e la potenza del film.
Cristiano Bortone  stesso è da lodare perchè ha diretto con semplicità e sincerità un opera difficile e complessa, e ha messo a fianco al piccolo protagonista anche dei bambini ciechi. Per me è bellissimo questo film per vari motivi, primo la semplicità, una regia semplice e decisa senza fronzoli, poi il coraggio, non tutti in italia sono capaci di sfaldare le etichette al cinema per farsi conoscere, e altro motivo è la critica, un paese come l'italia che per i bambini ciechi li faceva stare divisi dai bambini normali non è una bella cosa a vedersi.
Quei bambini siamo noi, siamo tutti, io almeno mi sono riconosciuta nel gruppo dei piccoli protagonisti, e solo per questo il film va visto...Da non perdere assolutissimamente.
Voto: 8 e 1/2






Commenti

  1. l'ho visto un paio d'anni fa.
    "Da non perdere assolutissimamente" mi sembra il minimo:)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Gruppo whattsapp della fabbrica dei sogni? E perchè no?

L'idea mi è venuta parlando con un amico fan di twin peaks, in cui aspetto di entrare nel gruppo whattsapp...mi sono chiesta sarebbe carino incontrare su whattsapp tutti gli amici blogger, Ford, il Cannibale, Miki Moz, Bollicina, Kelvin, Lisa Costa e via dicendo se siete daccordo inviatemi o una email, all'indirizzo lafabricadeisogni@gmail.com, oppure un mex su faccialibro, sarebbe una cosa grandiosa chattare con tutti gli amici e farci anche quattro risate in proposito, se ci state fate un fischio che vi aggiungo ok?

Prima di cominciare...un piccolo sfogo...

Di solito uso il blog soltanto per recensire film, perchè questo è un blog che tratta principalmente di cinema, ora questa sera dovrei recensire il film d'exploitation, lo recensisco dopo questo piccolo sfogo.
Innanzitutto trovo abberrante che le stesse donne giustifichino lo stupro, la signora Selvaggia Lucarelli in primis nel suo profilo facebook, dove io ho risposto dicendo la mia, ha dei dubbi a riguardo, perfettamente d'accordo, ognuno da opinionista può dire la sua.
E questa sera anche io mi vesto da opinionista, ma non da opinionista strapagata dai media italiani per dire castronerie a riguardo, ma da semplice blogger che svolge il suo lavoro con passione giorno dopo giorno GRATUITAMENTE.
Non voglio certo popolarità ma mi rabbrividisce ciò che c'è nel suo profilo, praticamente sembra che Harvey Weinstein in confronto a Polanski sia da giustificare, non da condannare o mettere in croce, perchè se la signora Lucarelli non lo sa, sia Weinstein che Polanski sono entram…

Visioni in diretta - Ash vs Evil Dead

Si comincia con un videomessaggio, per poi continuare con quello che sto vedendo, l'episodio comincia con il riepilogo della puntata precedente, per poi continuare con il viaggio in macchina di Ash e un ragazzo che scappano dai non morti...vediamo che succede

In questa puntata Ash è proprio come dice il titolo dell'episodio un esca, e deve confrontarsi con una mamma non morta...l'episodio 2 sta per finire, vi dico solo che mi sono divertita un mondo a guardarlo, perchè oltre ad essere splatter  ha una trama che ti cattura...puro horror al 100%

Aggiornamento 12 Ottobre
E' cominciato l'episodio 3, con una donna che ha disseppellito il padre di Kelly per sapere dove si trova Ash, questi invece cerca un esperto per eliminare l'incantesimo e vengono sentiti dalla donna che ha disseppellito suo padre.
Una poliziotta si mette sulle tracce di Ash e cerca di arrestarlo, ma Pablo le da un colpo di femore che le fa perdere i sensi, ora sono arrivata al punto che la poliz…

Visioni in diretta - Tanto per cominciare...Glow

Nasce la nuova rubrica della fabbrica dei sogni, sulle visioni in diretta, ovvero mentre guardo un film, una serie tv, commenterò il tutto in diretta nel blog...
E questa cosa amici è una novità nella blogosfera, e nasce proprio alla fabbrica dei sogni, quindi è un innovazione, che senza dubbio non è roba da poco, spero di fare quotidianamente grandi cose in proposito.
Intanto sto guardando Glow prima stagione episodio 4, tra poco comincio l'episodio 5.
Allora Glow è una serie tv carinissima di netflix, e la prima stagione ha fatto parlare molto bene in giro tra i siti e blog, il quarto episodio mi sta piacendo molto, specie la parte della ragazza che si confronta col padre wrestler, e soprattutto sul mondo maschilista che ci sta dietro.
Persino il regista si è beccato un ceffone...poveraccio!!!
Comnque ora proseguo con la visione, ci vediamo dopo con la fine dell'episodio 4 e l'inizio dell'episodio 5...ovviamente aggiornerò il post con gli ultimi commenti...a dopo am…