Passa ai contenuti principali

Rosso come il Cielo

Ci sono certi film che vale la pena guardare, ma non solo guardare ma anche avere, titoli piccolissimi che per alcuni non sono da tenere in considerazione, anzi per la maggioranza, ecco che si rivelano dei grandi, grandissimi film.
E' il caso di Rosso come il cielo, diretto da Cristiano Bortone che racconta la storia vera del più grande montatore del suono italiano, che sin da piccolino è stato costretto a studiare in una scuola per cechi, e da una idea all'inizio banale ha iniziato ad usare i suoni e da questi suoni ha cominciato a vivere come una persona normale, lui vede attraverso i suoni ed è proprio questa sua abiltià a trasformare l'istituto da chiuso nellle sue abitudini dovrà rendersi conto di considerare anche altre vie per considerare i bambini, e così i ragazzi dell'istituto avranno una motivazione in più per dimostrare che anche se sono ciechi possono fare ciò che il loro cuore desidera.

Cristiano Bortone traduce per lo schermo una storia vera capace di fare riflettere sulla arretratezza dell'italia negli anni settanta, quando chi aveva una patologia come la cecità o altre cose, veniva messo in scuole specializzate, per persone cieche, invece di mandarli a scuola con tutti gli altri.
Con la figura di Mirco Menacci si racconta un film bellissimo e coinvolgente, tanto da fare riconoscere il pubblico nei bambini, è lui in quella scuola scopre la musica e il suo talento per i suoni, ed è lui stesso che con gli altri bambini dovrà lottare affinchè questo suo sogno diventi realtà.
Come ho detto ad inizio recensione certi film sono piccoli film ma allo stesso tempo sono anche grandi, ed è curioso che è proprio l'italia a fare uscire questa meraviglia, a fine recensione metto un filmato che racchiude in se tutta la forza e la potenza del film.
Cristiano Bortone  stesso è da lodare perchè ha diretto con semplicità e sincerità un opera difficile e complessa, e ha messo a fianco al piccolo protagonista anche dei bambini ciechi. Per me è bellissimo questo film per vari motivi, primo la semplicità, una regia semplice e decisa senza fronzoli, poi il coraggio, non tutti in italia sono capaci di sfaldare le etichette al cinema per farsi conoscere, e altro motivo è la critica, un paese come l'italia che per i bambini ciechi li faceva stare divisi dai bambini normali non è una bella cosa a vedersi.
Quei bambini siamo noi, siamo tutti, io almeno mi sono riconosciuta nel gruppo dei piccoli protagonisti, e solo per questo il film va visto...Da non perdere assolutissimamente.
Voto: 8 e 1/2






Commenti

  1. l'ho visto un paio d'anni fa.
    "Da non perdere assolutissimamente" mi sembra il minimo:)

    RispondiElimina

Posta un commento

Ciao, ho tolto la moderazione ai commenti, di pure la tua, ma con garbo ed educazione se non vuoi che lo cancello xD

Post popolari in questo blog

Boomstick Awards 2017

E adesso tocca a me premiare col boomstick, innanzitutto ringrazio il sempre affezionatissimo Pietro Saba World che mi premia sempre, in ogni occasione, compreso questo boomstick awards, e anche il mitico Cassidy del magnifico blog La Bara Volante che anche lui mi ha regalato questo boomstick quest'anno, e sono a quota 5 dal 2014 ad ora.
Ecco le regole del boomstick ;)

1- I premiati sono 7, né uno di più, né uno di meno, non sono previste menzioni d'onore.
2- I post con cui viene presentato il premio non devono contenere giustificazioni di sorta da parte del premiante riservate agli esclusi, a mo di consolazione.
3 - I premi vanno motivati. Non occorre una tesi di laurea. E' sufficiente addurre un pretesto, o più di uno, se ne avete.
4 - E' vietato riscrivere le regole. Dovete limitarvi a copiarle, così come io le ho concepite.
Per chi non rispetta le regole c'è il temuto (ma anche tentatore) bitch please award quindi occhio!


Oooh una volta terminata la presentazi…

Ciclo Horror Stories - Johnny Frank Garret's Last World

Non vi preoccupate, sono sempre qui, e il ciclo horror stories, non è ancora andato in vacanza, l'ultimo appuntamento è per giorno 19, per ora la rubrica va avanti.
Questo Johnny Frank Garrett's Last Word si presenta subito con il chiaro intento di dare allo spettatore un horror con le persecuzioni dello spirito di un condannato a morte...e ci riesce almeno fino a un certo punto.

Cineclassics - Tutti Insieme Appassionatamente

Non vi preoccupate, ci sono ancora oggi, e per l'occasione recensisco uno dei classici che per un motivo e un altro ho recuperato quest'anno: si tratta del bellissimo film Tutti insieme appassionatamente.

I Compari

Ho il piacere di cominciare una speciale rassegna dedicata al regista Robert Altman di cui la settimana scorsa ho iniziato a vedere diversi film, e, per cominciare, questa sarà una settimana tutta dedicata a lui; dalla prossima settimana l'appuntamento sarà ogni weekend.
Come primo film ho scelto di recensire I Compari con Warren Beatty e Julie Christie.

Arma Letale 4

Eh si, dopo tre capitoli strepitosi, eccocci arrivati alla quarta e ultima - finora - puntata della saga Arma Letale.
Quarto episodio che, purtroppo non ha lasciato nulla di particolarmente memorabile, anche se devo dire che pur con tutti i suoi difetti mi è piaciucchiato.
E qui i nostri stanno per diventare rispettivamente Martin papà e Roger nonno, e si portano appresso il fido Leo Getz, - mitico Joe Pesci, che come spalla dei protagonisti fa scappare sempre qualche bella risata - e addirittura il genero di Roger, quasi marito della figlia che sta a sua volta per diventare papà anche lui.